983 CONDIVISIONI
21 Luglio 2022
16:40

Il killer 16enne di Francesco: “Ho videochiamato il fratello, gli ho mostrato la mano insanguinata”

Il killer 16enne di Francesco Pio D’Augelli, il 17enne ucciso a San Severo lunedì scorso, ha videochiamato il fratello della vittima dopo averlo colpito: “Vieni a prenderti a tuo fratello, l’ho appena accoltellato. Portalo in ospedale”. Lo ha detto nel corso dell’interrogatorio di garanzia tenutosi oggi davanti al Gip del Tribunale per i Minorenni di Bari.
A cura di Ida Artiaco
983 CONDIVISIONI

"Vieni a prenderti a tuo fratello, l'ho appena accoltellato. Portalo in ospedale". È cominciata così la videochiamata che il 16enne, reo confesso omicida del 17enne Francesco Pio D'Augelli, ha fatto al fratello della vittima poco dopo il delitto, avvenuto lunedì scorso.

I dettagli di quanto successo a San Severo, in provincia di Foggia, sono stati raccontati dal killer questa mattina durante l'interrogatorio di convalida del fermo tenutosi davanti al Gip del Tribunale per i Minorenni di Bari: il ragazzo lunedì scorso ha raggiunto Francesco Pio vicino la sua abitazione, in via Lucera, e l'ha colpito con un coltellata al fianco sinistro. Il probabile movente sarebbe la gelosia della vittima per alcuni messaggi che la fidanzatina si era scambiata mesi fa proprio con il 16enne. La vittima è deceduta prima dell'arrivo in ospedale.

Oggi, davanti al Gip il 16enne ha confermato la versione dei fatti fornita lunedì scorso in questura quando si è costituito, aggiungendo il particolare della videochiamata. A quanto si apprende, l'adolescente avrebbe inquadrato la sua mano insanguinata.

Il sedicenne ha anche affermato che tra lui e la fidanzatina del 17enne c'era stato solo uno scambio di messaggi via social e di non avere mai pensato di intraprendere una relazione con lei. Un particolare – emerge nell'interrogatorio – che il 16enne avrebbe anche ribadito domenica sera, giorno prima dell'omicidio, al fratello della vittima confermandogli che tra lui e la ragazzina non c'era mai stato nulla.

Così come ha più volte evidenziato di essere andato armato di coltello all'appuntamento con la vittima, ma che sperava che si chiarissero e il litigio terminasse lì. Al termine dell'interrogatorio il pm ha chiesto che il 16enne venga lasciato in carcere mentre i difensori dell'indagato hanno chiesto l'esclusione dei futili motivi e la riqualificazione dell'accusa in omicidio preterintenzionale. Il Gip si è riservato di decidere nelle prossime ore.

983 CONDIVISIONI
Il ministro Guerini a Fanpage.it:
Il ministro Guerini a Fanpage.it: "Pd è unico partito che può contrastare davvero la destra"
Elisa Claps, l’omicidio e quei capelli strappati dopo la morte diventati firma dell’assassino
Elisa Claps, l’omicidio e quei capelli strappati dopo la morte diventati firma dell’assassino
La difesa di Benno Neumair: “È malato, incapace di intendere e volere quando uccise i genitori”
La difesa di Benno Neumair: “È malato, incapace di intendere e volere quando uccise i genitori”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni