12 Novembre 2020
18:11

Giovane ucciso nella Locride, si costituiscono i presunti responsabili: sono padre e figlio

Si sono costituiti padre e figlio ricercati per l’omicidio commesso nelle campagne di Bianco di Salvatore Pangallo, di 25 anni, e per il ferimento, avvenuto nella stessa circostanza, del padre Costantino Pangallo. Si tratta di Santoro e Pietro Favasuli, di 62 e 23 anni. Sono parenti delle vittime.
A cura di Susanna Picone

Hanno un nome i presunti assassini di Salvatore Pangallo, il giovane di venticinque anni ucciso lunedì scorso a colpi d’arma da fuoco nelle campagne di Bianco, nella Locride. Si tratta di padre e figlio, Santoro e Pietro Favasuli, che si sono costituiti ai carabinieri. Hanno rispettivamente sessantadue e ventitré anni e sono accusati dell’omicidio del giovane e anche del ferimento, avvenuto nella stessa circostanza, del padre della vittima, il sessantunenne Costantino Pangallo. Santoro e Pietro Favasuli, che a quanto emerso sono parenti delle vittime, a poche ore di distanza l’uno dall’altro si sono costituiti al termine di serrate indagini dei carabinieri della Compagnia di Bianco, che già da lunedì avevano iniziato le loro ricerche. I controlli a tappeto, avvenuti principalmente nel comune di Africo, hanno verosimilmente indotto i due uomini a costituirsi.

All'origine del delitto vi sarebbero dissidi familiari – Al termine delle operazioni di rito, i due presunti responsabili del delitto sono stati associati presso la casa circondariale di Locri. Dovranno rispondere di omicidio premeditato in concorso, nonché di porto abusivo di armi e munizioni. All'origine del delitto vi sarebbero dissidi familiari, forse legati a problemi di confini di alcuni terreni. Le indagini proseguono al fine di ricostruire l’esatta dinamica dei fatti. A lanciare l’allarme, il giorno dell’omicidio, era stata la fidanzata della vittima. Sul posto erano intervenuti i carabinieri della compagnia di Bianco per effettuare i rilievi del caso. Ben presto era emersa la pista della lite familiare e non era stata esclusa la possibilità che i responsabili potessero essere più persone.

Papà e figlio uccisi e chiusi in sacchi di plastica a Cerignola: arrestato il presunto omicida
Papà e figlio uccisi e chiusi in sacchi di plastica a Cerignola: arrestato il presunto omicida
Valentina Giunta uccisa dal figlio 15enne perché voleva allontanarlo dal padre:
Valentina Giunta uccisa dal figlio 15enne perché voleva allontanarlo dal padre: "Lui è il mio leone"
Kharkiv, padre non lascia la mano del figlio 13enne ucciso in strada
Kharkiv, padre non lascia la mano del figlio 13enne ucciso in strada
1.406 di Videonews
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni