Nell’annuncio online di quell’appartamento in affitto l’attenzione di molti è caduta su una foto: quella del balcone. Non tanto per la bellezza della terrazza in sé, quanto piuttosto perché si vedevano floride piante di marijuana. Nei guai, come si legge sul Secolo XIX, è finita una donna di 74 anni che si è giustificata prima dicendo che lo stupefacente le serviva per alleviare i dolori del cane, morto però a gennaio. La pensionata è stata denunciata dal personale del primo distretto della polizia municipale. L'annuncio immobiliare era stato visionato da un vigile di Treviso che stava cercando una casa dopo essere entrato in servizio a Genova. L'uomo ha deciso così di visitare l'appartamento, in via Isonzo, insieme a un collega per capire meglio la situazione. Quando l'agente immobiliare gli ha fatto vedere la casa, i due agenti si sono accorti che le piante erano davvero di marijuana. E così è scattato l blitz dei vigili del primo distretto. Nel corso della perquisizione oltre alle piante è stata trovata una stanza attrezzata a serra con 32 lampade, alcuni ventilatori e una struttura in legno per sistemare i vasi, una mazza da baseball e un pugnale con una lama di 11 centimetri. La donna si è però giustificando, sostenendo che le armi erano del precedente inquilino, di cui non ha saputo fornire il nome.

Non solo la 74enne. Gli agenti delle volanti di Genova hanno denunciato una 44enne del posto e il suo fidanzato, un cittadino marocchino di 42 anni, per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. I poliziotti, intervenuti nell’abitazione per una accesa lite tra sorelle, in via Diano Marina a Voltri, hanno scoperto che una di loro, la 44enne appunto, insieme al compagno,  aveva piantato nel giardino adibito ad orto 8 piante di marijuana. Erano in mezzo ad altre colture. Le forze dell’ordine hanno trovato anche un sacchetto di semi di cannabis e un bilancino di precisione.