1.026 CONDIVISIONI
Covid 19
19 Gennaio 2022
13:37

“Genny uccisa dal vaccino”. il papà della ragazza contro i no vax: “Non c’erano quando è morta”

Quando Genny Billotto è morta a causa di un problema cardiaco congenito era l’ottobre del 2020 e i vaccini contro il Covid non esistevano ancora. Oggi la sua immagine viene usata dai No Vax per ipotizzare una correlazione tra decesso e vaccino.
A cura di Davide Falcioni
1.026 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Quando Genny Billotto è morta a causa di un problema cardiaco congenito era l'ottobre del 2020 e i vaccini contro il Covid erano ancora una chimera. Eppure il volto di questa ragazza biellese, maestra della scuola primaria “Villaggio Lamarmora” di 29 anni, è comparso sulle gigantografie esposte ai cortei No Vax ed è stato utilizzato esplicitamente per affermare che i vaccini uccidono. È successo a metà ottobre a Bologna, sabato scorso a Milano e ogni giorno il volto di Genny campeggia sulle pagine internet e le chat dei No Vax. Sotto il ritratto della ragazza e il suo nome è comparsa anche la scritta "…nessuna correlazione…" alludendo chiaramente all'ipotesi che molti decessi "improvvisi" fossero legati alla somministrazione dei vaccini anti Covid.

La strumentalizzazione dell'immagine Genny Billotto da parte degli anti-vaccinisti non è più tollerabile per Giancarlo, padre della ragazza: "Lei non ha fatto in tempo nemmeno a vaccinarsi. È morta a ottobre del 2020, prima dell’inizio dell’avvio della campagna. E invece la sua foto viene portata in piazza per dimostrare gli effetti avversi del vaccino. Sono indignato e ho deciso di denunciare i colpevoli", ha dichiarato l'uomo al Corriere, spiegando che la misura è ormai colma e che fa qualche mese aveva iniziato a vedere le gigantografie della figlia Genny, camicetta a pois e sorriso in volto, portate in spalla da alcuni partecipanti alle proteste No Vax. Il nome della 29enne era stato incluso tra quelli di persone morte all'improvviso. "Da allora hanno iniziato a segnalarmi che l’immagine di mia figlia veniva usata sui social per mettere in dubbio l’effetto del vaccino. Sono rimasto senza parole. Genny è morta di un problema al cuore congenito. Non era vaccinata perché la campagna non era ancora partita. E sicuramente sarebbe stata favorevole. Quando ho visto quelle immagini sono rimasto disgustato". Spiega Giancarlo che "Genny aveva una cardiopatia ipertrofica. Era amata da tutti: dai suoi studenti. Dai suoi amici. Era appassionata del suo lavoro. Proprio la scuola, lo diceva sempre a colleghe e amiche, le dava la carica quotidiana per affrontare con il sorriso e le nuove sfide che si era prefissata. Adorava andare in moto. La sua perdita è stata una tragedia. E vederla sui social usata in quel modo, per i loro scopi, mi ha davvero fatto soffrire. Sono rimasto davvero senza parole".

1.026 CONDIVISIONI
31062 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni