1049

condivisioni

CONDIVIDI
3 Dicembre 2021 08:03

Ferito da un colpo di pistola alla testa a Noto, morte cerebrale per il 17enne

È stata dichiarata la morte cerebrale per il 17enne rimasto ferito in un agguato a Noto. Un proiettile lo ha raggiunto alla testa, esploso da un ragazzo, non ancora individuato, forse al culmine di una lite.
A cura di Chiara Ammendola
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

È stata dichiarata la morte cerebrale del 17enne che mercoledì sera è stato colpito da un proiettile mentre era in auto con alcuni famigliari a Noto (Sicuracusa): il giovane è stato ferito alla testa e non ha mai ripreso conoscenza. Traportato d'urgenza al Pronto soccorso di Avola dai parenti è stato poi trasferito d'urgenza all’ospedale Garibaldi Centro di Catania dove è stato operato e dove si trova tutt'ora ricoverato nel reparto di Rianimazione, le sue condizioni però sono apparse da subito gravi e quest'oggi la conferma della notizia dopo che la commissione medica ha eseguito tutti gli accertamenti del caso. I familiari non hanno dato il consenso alla donazione degli organi.

Intanto proseguono le indagini per capire ricostruire cosa sia accaduto al 17enne che potrebbe essere rimasto vittima di un vero e proprio agguato. Questa mattina i carabinieri hanno sequestrato dieci pistole, munizioni di vario calibro, armi bianche e oltre 100mila euro in contanti nel quartiere di Noto, dove è accaduto il fatto. Se inizialmente l'ipotesi dei carabinieri protendeva verso l'incidente con un colpo esploso magari per sbaglio all'interno della stessa vettura dove stava viaggiando la vittima, col passare delle ore si fa sempre più largo la pista dell'agguato. Sono in pochi a collaborare per ricostruire l'accaduto, compresi gli stessi famiglia del 17enne, ma sembra che poco prima di essere ferito il ragazzo fosse rimasto coinvolto in una lite avvenuta tra due gruppi di giovani.

Dalle immagini delle videocamere poste in strada infatti poco distante dal luogo della sparatoria, si vede una lite tra due gruppi di ragazzi. Un violento scontro tra appartenenti alla comunità nomade dei Camminanti, come la vittima, che probabilmente avrebbero abusato di alcool. Il giovane, come riportato anche dal Quotidiano di Sicilia, secondo una prima ipotesi, dopo essere salito in auto con i familiari sarebbe stato raggiunto dal colpo di pistola esploso da un ragazzo che ha rivolto la pistola verso l'auto premendo il grilletto più di una volta.

Continua a leggere su Fanpage.it
Torino, morto suicida Angelo Burzi: era stato consigliere della Regione Piemonte
Pisa, cade e si spara all’addome. Cristian Ghilli era una promessa del tiro a volo, aveva 19 anni
Diciassettenne ucciso nel Siracusano, fermato un 33enne: colpito al posto del padre dopo una lite
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni