Un messaggio per chiedere conferma dell'appuntamento fissato con l'ex moglie. Deborah era al supermercato quando ha detto di sì a quell'incontro e sembrava che avesse davvero fretta di rivedere Lorenzo Cattoni, l'ex compagno che aveva amato per anni, nonché padre dei suoi figli. Aveva lasciato le buste della spesa sul tavolo con l'idea di fare ritorno in casa poco dopo per mettere tutto a posto: per Deborah la necessità di incontrare Cattoni era più forte. Aspettava un assegno che l'ex le aveva promesso per il figlio più piccolo. Sarebbe rientrata prima che i quattro figli potessero tornare da scuola.

Ne sono convinti i poliziotti e i familiari, che sostengono che Deborah Saltori, 42 anni, non avesse informato nessuno dell'appuntamento fissato per quella mattina. La giovane mamma immaginava di risolvere la questione in pochi minuti e senza intoppi. Una volta arrivata nel suo capanno di campagna, a Cortesano, la donna ha dovuto invece subire la violenza dell'ex. Una volta ancora, perché era sempre stato violento secondo l'accusa. Quella collera violenta presto è diventata furia omicida e per Deborah non c'è stato nulla da fare.Nessuno avrebbe potuto salvarla in quelle campagne desolate.

Cattoni è accusato di omicidio volontario aggravato: avrebbe teso una trappola a Deborah, dandole appuntamento in un luogo isolato e in una fascia oraria in cui sapeva che i figli erano a scuola. Tra le aggravanti contestate vi è la premeditazione. Aveva detto di volerle dare un assegno, ma la consegna non è mai avvenuta. La polizia ha trovato un blocchetto nuovo all'interno del capanno. Per gli inquirenti, però, l'assegno sarebbe stato solo una scusa per incontrare la giovane 42enne. A lui contestata anche l'aggravante della crudeltà: accuse, queste, che potrebbero valergli l'ergastolo e che verranno analizzate dalla difesa. I legali attendono di poter sentire Cattoni che è attualmente in stato di fermo, ma ricoverato dopo aver tentato il suicidio con un coltello. Saltori è stata ferita mortalmente con due colpi di accetta alla carotide, ma avrebbe riportato anche alcune ecchimosi al capo. Dall'autopsia si potrà risalire all'ora del decesso, elemento fondamentale per ricostruire le ultime ore di Deborah. La donna avrebbe infatti ricevuto l'ultimo messaggio alle 12.15 di lunedì, ma il suo corpo è stato ritrovato alle 15.30: non si sa quanto tempo ha trascorso col marito prima di essere uccisa.