Dopo 54 giorni è finita la fase uno dell’emergenza Coronavirus, quella del lockdown (non totale, ricordiamo). E il Viminale fornisce i dati sui controlli effettuati in questi quasi due mesi. In totale sono state denunciate 424mila persone, su un totale di 12,3 milioni di controlli. Nel complesso, quindi, il tasso di denunce è del 3,4%. I calcoli prendono in considerazione il periodo che va dall’11 marzo fino al 3 maggio, ultimo giorno prima dell’avvio della fase due. Il giorno in cui si sono registrate più trasgressioni è stato quello di Pasquetta, con ben 16.545 denunce, contro una media quotidiana al di sotto della metà di questo dato.

Fase uno, il bilancio dei controlli sulle persone

In totale, durante la fase uno, sono state denunciate 418.222 persone per aver infranto il divieto di spostamento. Le sanzioni sono arrivate soprattutto nei primi giorni della fase uno, tanto che le denunce sono state più di 300mila fino al 25 marzo e poi altre 115mila da questa data al 3 maggio. Tra le denunce ce ne sono 5.280 per falsa attestazione e 886 per violazione del regime di quarantena. Ogni giorno sono state controllate mediamente 228.893 persone, con una media di 7.748 sanzionati quotidianamente. I dati variano molto da giorno a giorno: si passa da un minimo poco al di sopra dei mille, al picco di Pasquetta, con dati molto alti anche nelle giornate precedenti alla Pasqua e il 25 aprile. I controlli sono stati da un minimo di 108mila al giorno (l’11 marzo), a un massimo di più di 300mila controlli il 10 aprile.

I controlli sugli esercizi commerciali

I dati del Viminale sottolineano come siano stati effettuati controlli su 4,8 milioni di negozi. Sono stati denunciati 8.260 titolari: anche in questo caso la maggior parte delle denunce è arrivato prima del 25 marzo, con più di 5.600 casi. I provvedimenti di chiusura emanati sono stati 1.421. I titolari sanzionati sono lo 0,17% del totale dei controllati, con una media giornaliera di 88.852 verifiche. Il record dei controlli quotidiani – circa 117mila – è stato registrato a metà marzo. Con un dato comunque stabile, salvo qualche eccezione giornaliera nei weekend.

I controlli del 3 maggio, ultimo giorno di fase uno

L’ultimo giorno di fase uno, domenica 3 maggio, ha fatto registrare i controlli delle forze dell’ordine su 221.409 persone e su 77.925 attività commerciali. Sono state sanzionate 5.325 persone per aver infranto il divieto di spostamenti, a cui vanno aggiunte 31 denunce per false dichiarazioni e due per violazione della quarantena. Per quanto riguarda i negozi, le sanzioni ai titolari sono state 89, mentre i provvedimenti di chiusura 27.