Mentre in Italia si è acceso il dibattito sulla sicurezza dei vaccini contro il coronavirus, in particolare su quelli a vettore virale AstraZeneca e Johnson & Johnson, l'Ema lancia un nuovo appello ai cittadini affinché abbiano fiducia ricordando che tutti i vaccini anti-Covid hanno superato una rigida valutazione per l'efficacia e la sicurezza e sono sottoposti a un monitoraggio continuo. Per questo serve "impegno" per "rafforzare la fiducia" delle persone. È il messaggio lanciato dall'Agenzia europea del farmaco insieme agli enti regolatori del mondo che fanno parte della Coalizione internazionale Icmra, e con l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Quello delle agenzie regolatorie è al contempo un appello e una rassicurazione. La missione, spiegano in una dichiarazione congiunta, deve essere: "Aiutare gli operatori sanitari ad aumentare la fiducia nei vaccini Covid e rispondere alle domande dei pazienti sullo sviluppo, la revisione normativa e il monitoraggio della sicurezza di questi vaccini". Gli ultimi mesi, spiega Emer Cooke, direttore esecutivo dell'EMA e presidente di Icmra, "ci hanno davvero fatto capire tutta l'importanza della fiducia" in questi prodotti scudo. "Mentre continuano le campagne di vaccinazione di massa, l'Icmra e l'Oms riaffermano il loro impegno a supportare gli operatori sanitari e a rassicurare il pubblico sul fatto che i processi normativi per l'autorizzazione dei vaccini e il monitoraggio della loro sicurezza sono solidi e guidati dalle esigenze dei pazienti", ribadisce Cooke.

L'Ema e gli altri enti sottolineano che i vaccini contro il Covid sono sottoposti a un'ampia valutazione scientifica per determinarne la sicurezza, l'efficacia e la qualità, aggiungendo anche che ci sono misure messe in atto per consentire alle autorità di regolamentazione di raccogliere dati emergenti sulla sicurezza dei vaccini da un'ampia gamma di fonti, e di intraprendere azioni normative rapide per proteggere la salute pubblica quando necessario.