475 CONDIVISIONI
Coronavirus
15 Settembre 2021
15:22

È incinta, non le fanno il vaccino Covid: dovrà tornare col certificato del suo ginecologo

I fatti al centro vaccinale di piazzale Roma, a Venezia, lo scorso 7 settembre. Il medico che si è rifiutato: “Responsabilità troppo grande, le ho consigliato di portarmi il certificato del ginecologo, che peraltro mi ha telefonato e insultato”. Il presidente dell’Ordine dei medici Noce: “È il medico dell’hub a dover tracciare l’anamnesi”.
A cura di Biagio Chiariello
475 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

"Si richiede il certificato del ginecologo che segue la signora… per poter procedere alla vaccinazione anti-Covid, come da decisione dei medici vaccinatori in caso di gravidanza". Questa la richiesta che una donna al terzo trimestre di gravidanza si è fatta mettere nero su bianco sul ricettario bianco degli specialisti dal dottore dell’hub vaccinale di piazzale Roma, a Venezia, lo scorso 7 settembre. Di fatto alla donna incinta è stato negato il vaccino anti Covid. Nessun provvedimento nei confronti del camice bianco protagonista della storia, che del resto al Corriere del Vento ha spiegato: "Non esiste un documento scritto, è una decisione che abbiamo maturato noi vaccinatori — spiega il medico  al centro dell’episodio —. Non c’è ancora una letteratura scientifica consistente sugli effetti che l’anti-Covid potrebbe sortire nelle gestanti e nel feto, quindi prima di somministrarlo dobbiamo stare molto attenti e conoscere bene lo stato di salute della paziente. In caso di eventi avversi, la responsabilità è nostra".

Dovrà tornare col certificato del suo ginecologo

Il medico veneziano ha spiegato che la donna si è presentata al centro vaccinale priva di anamnesi, spiegando di essere solo al terzo trimestre di gravidanza: "È vero, le ho consigliato di portarmi il certificato del ginecologo, che peraltro mi ha telefonato e insultato — aggiunge il camice bianco —. Ma abbiamo dato all’utente l’opportunità di tornare con la documentazione richiesta in qualsiasi momento e senza prenotazione. E infatti si è ripresentata 24 ore dopo con l’attestazione dello specialista e l’abbiamo regolarmente vaccinata. La gravidanza è uno stato delicato, dobbiamo poter disporre del quadro psico-fisico completo di una gestante. Si è trattato di un caso isolato, di solito le donne in gravidanza arrivano con la cartella clinica, a tutela loro e nostra. Le dico di più: tra i vaccinatori del nostro hub, che somministra 500 dosi al giorno, c’è un ginecologo e anche lui prima di immunizzare una donna in gravidanza chiede il via libera del collega che la segue".

L'ordine dei medici: "Assurdo"

Palese la contrarietà manifestata da Francesco Noce, presidente regionale dell’Ordine dei Medici: "Trovo abbastanza strano che i colleghi vaccinatori abbiano concordato tra loro di non somministrare l’anti-Covid alle donne incinte senza un certificato del ginecologo. Non l’ho mai sentito da nessuna parte, anche perché è assurdo costringere la paziente ad andare dallo specialista e poi a tornare all’hub, facendole fare una spola tra strutture sanitarie che la espone al pericolo di contagio. Non esiste norma o circolare che attesti lo stato di gravidanza come motivo per ritardare l’assunzione dell’anti-Covid — assicura Noce —. E poi dev’essere il medico vaccinatore, nel momento dell’anamnesi, a chiedere alla gestante lo stato di salute e se abbia avuto problemi o eventi avversi con altre vaccinazioni".

475 CONDIVISIONI
27037 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni