258 CONDIVISIONI
Covid 19
6 Gennaio 2022
23:28

Dove stanno aumentando di più ricoveri e terapie intensive, regione per regione

I dati Agenas aggiornati al 6 gennaio: al 16% il tasso di occupazione delle terapie intensive Covid, in aumento al 22% l’occupazione dei reparti.
A cura di Susanna Picone
258 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

L’escalation dei contagi Covid sta mettendo a rischio la tenuta del sistema ospedaliero, con i reparti ordinari e le terapie intensive sempre più sotto pressione. Per la prima volta dall’inizio della pandemia ormai quasi due anni fa oggi, giovedì 6 gennaio, sono stati registrati in Italia oltre 200mila casi positivi (anche se va precisato che oltre 33mila casi sono legati a un ricalcolo della Regione Emilia-Romagna). Nel bollettino di oggi si contano 1.467 pazienti in terapia intensiva, 39 in più in 24 ore, mentre i ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 13.827 (+463).

La situazione degli ospedali appare sempre più difficile stando a quanto emerge dai dati pubblicati dall'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas), che evidenzia come a livello nazionale il tasso di occupazione di posti letto per pazienti positivi al Covid nei reparti sale al 22%. L’occupazione delle intensive, con l’aggiornamento del 6 gennaio, sale invece al 16% a livello nazionale. Vediamo, regione per regione, dove stanno aumentando di più ricoveri e terapie intensive secondo i dati Agenas.

Abruzzo: 13% TI, 19%(+2%) area non critica

Basilicata: 3%(-1%) TI, 20% area non critica

Calabria: 16% (+1%) TI, 34% (+1%) area non critica

Campania: 10% (+1%) TI, 20% (+1%) area non critica

Emilia Romagna: 16% TI, 19% (+1%) area non critica

Friuli Venezia Giulia: 17% TI, 24% area non critica

Lazio: 20% (+1%) TI, 21% (+1%) area non critica

Liguria: 20% (-1%) TI, 34% (+2%) area non critica

Lombardia: 15% TI, 24% (+1%) area non critica

Marche: 20% (-1%) TI, 24% area non critica

Molise: 5% TI, 12% (-1%) area non critica

Bolzano: 17% (-1%) TI, 15% (-1%) area non critica

Trento: 28% (+4%) TI, 19% area non critica

Piemonte: 22% (+3%) TI, 26% (+1%) area non critica

Puglia: 8% TI, 14% (+1%) area non critica

Sardegna: 11% (+2%), 11% area non critica

Sicilia: 14% TI, 26% (+1%) area non critica

Toscana: 17% (+1%) TI, 18% (+1%) area non critica

Umbria: 14% (+1%) TI, 27% (-1%) area non critica

Valle d’Aosta: 15% TI, 42% (-3%) area non critica

Veneto: 19% (-1%) TI, 19% (-2%) area non critica

258 CONDIVISIONI
31053 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni