10.428 CONDIVISIONI
27 Febbraio 2021
14:46

Donna di 96 anni lascia 25 milioni di eredità alla badante, diverse Ong e ospedali

Marisa Cavanna, insegnante 96enne di discendenze nobili, ha deciso di lasciare in eredità 25 milioni da dividere tra la badante, diverse Ong e alcuni ospedali genovesi. La donna si è inoltre dichiarata disponibile alla donazione degli organi e ha chiesto di lasciare l’affitto pagato per il personale domestico per almeno sei mesi.
A cura di Gabriella Mazzeo
10.428 CONDIVISIONI

Ha disposto le sue ultime volontà con cura, predisponendo ogni particolare del suo lascito: 25 milioni di euro agli ospedali, enti di misercordia, Ong e istituti di ricerca. Edmonda Marisa Cavanna, professoressa liceale di Lettere in pensione, è morta a 96 anni il 9 dicembre nella sua casa di via Giordano Bruno, nel quartiere Albaro del capoluogo ligure. Prima di morire aveva chiamato un suo amico, dirigente di una banca, per chiedergli l'ultimo favore: "Dopo che non ci sarò più porta alla redazione del Secolo XIX quella busta sullo scrittoio". Si trattava dell'elenco di persone che avrebbe voluto ringraziare e alla quale voleva bene. Una lunga schiera di allievi, le amiche e il personale che l'ha aiutata in casa e i figli della sua badante, che saluta però come "nonna Marisa". La donna non si era mai sposata e considerava quei due ragazzi come nipoti.

Nelle tredici pagine di testamento, la donna ha lasciato precise indicazioni sull'eredita e sui suoi destinatari: la badante che l'accudiva da 40 anni che ha ricevuto 3,8 milioni di euro, Amnesty International, il Gaslini di Genova e il Galliera tra gli altri. Al primo ospedale genovese ha destinato 5 milioni di euro, così come al Galliera. Le disposizioni però sono tassative: un lascito per la ricerca e l'acquisto di apparecchiature. Altri soldi per onlus sostenute dalla sanità ligure come il Fondo malattia renale del bambino e l'Associazione neuroblastoma. Altri enti sono quelli ecclesiastici cittadini come la Provincia religiosa di San Benedetto.

La 96enne aveva sangue blu: veniva da una casata del patriziato di Venezia, quella dei Contarini. Alla nipote Mirella, l'anziana zia ha affidato i documenti della nobile discendenza. L'insegnante aveva ricevuto nel 2019 dal Colle il riconoscimento della "Stella al merito del lavoro". Il bancario ha raccontato che la 96enne ricordava ancora tutti i suoi ex studenti, che la salutavano festosi incontrandola per strada. La donna ha deciso di versare 4 milioni a Ong tra cui Amnesty, Amici senza frontiere e Save the Children. Nelle pagine fitte delle ultime volontà compaiono anche pensieri "minori", come l'affitto da pagare per sei mesi a tutto il personale e una raccomandazione per sua nipote prediletta, di un aiuto e un'attenzione speciale. Conclude con la disponibilità a donare gli organi.

10.428 CONDIVISIONI
Donna trovata morta in strada a Pescara vicino all'ospedale
Donna trovata morta in strada a Pescara vicino all'ospedale
Omicidio Nada Cella, l'appello della sorella: "Qualcuno sa più di quello che dice: fatevi avanti"
Omicidio Nada Cella, l'appello della sorella: "Qualcuno sa più di quello che dice: fatevi avanti"
Ragusa, lasciano una donna morta all'esterno del Pronto soccorso e scappano
Ragusa, lasciano una donna morta all'esterno del Pronto soccorso e scappano
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni