Covid 19
24 Ottobre 2021
11:14

Covid nei bambini, quali sono i sintomi cui prestare più attenzione

Uno studio osservazionale, appena pubblicato sulla rivista scientifica Quaderni Acp, ha indagato su quali sono i sintomi covid più diffusi tra i bambini. In generale dallo studio emerge la conferma di una buona notizia e cioè che tra i bimbi la covid provoca casi meno gravi e conseguenze decisamente più ridotte rispetto agli adulti.
A cura di Antonio Palma
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Con la ripresa della scuola e la campagna vaccinale anti covid in atto, si è assistito a un aumento dei contagi tra i bambini più piccoli anche perché sono quelli che non posso vaccinarsi, ma quali sono i sintomi covid tra i bambini? A questa domanda hanno cercato di rispondere dall’Associazione culturale pediatri attraverso uno studio osservazionale, appena pubblicato sulla rivista scientifica Quaderni Acp, a cui hanno partecipato 34 pediatri di famiglia che hanno seguito 1.947 bambini  sparsi tra le varie regioni interessate dalla ricerca. La risposta immediata è che i sintomi Covid nei bambini sono gli stessi degli adulti ma variano come intensità e prevalenza in base all'età e sopratutto in generale sono meno gravi.

I sintomi covid nei bimbi

Nel dettaglio, lo studio ha individuato che uno dei sintomi tipici della covid-9 come la tosse sia in realtà meno diffuso tra i piccoli mentre sotto i tre anni quello più comune è il raffreddore a cui dai 4 anni in su si affianca spesso il mal di testa. Sono questi due dunque  campanelli di allarme per far scattare i controlli. Tra gli altri sintomi covid, comuni tra gli adulti, anche la febbre alta si è rivelata meno diffusa tra i bambini. In generale dallo studio emerge la conferma di una buona notizia e cioè che tra i bimbi la covid provoca casi meno gravi e conseguenze decisamente più ridotte rispetto agli adulti anche se ovviamente non mancano casi più seri. La prova di tutto questo è il basso numero di ricoveri covid e una mortalità bassissima tra i bimbi.

Il contagio dei bimbi avviene più frequentemente in ambito familiare

I dati dello studio indicano nel dettaglio una incidenza complessiva dei casi di malattia nella popolazione di minori seguita pari a 3,8 casi di coronavirus ogni mille bambini. Una incidenza del contagio che però stranamente vede una grossa variabilità tra una regione e l’altra. "Queste differenze sono verosimilmente legate alla diversa gestione della malattia nelle varie regioni, con conseguente diversa possibilità di confermare la diagnosi nei casi sospetti”, ha spiegato Giacomo Toffol, pediatra Acp e coordinatore dello studio. I pediatri infine confermano anche quanto sottolineato dalle diverse Asl finora sulla scuola e cioè che il contagio avviene più frequentemente in ambito familiare anziché in classe.

28241 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni