196 CONDIVISIONI
Covid 19
3 Novembre 2022
11:07

Covid, Monitoraggio Gimbe: crollano le quarte dosi di vaccino, 6,8 milioni senza nemmeno una dose

Il monitoraggio della Fondazione GIMBE per la settimana 26 ottobre-1° novembre riguarda esclusivamente l’andamento della campagna vaccinale perché il Ministero della Salute ha disposto la sospensione della pubblicazione giornaliera del bollettino della pandemia di COVID-19.
A cura di Antonio Palma
196 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Crollo delle quarte dosi di vaccino anti covid nell'ultima settimana.  Al 2 novembre, infatti, in Italia  sono state somministrate 4.295.324 quarte dosi, con una media mobile di 27.680 somministrazioni al giorno, in netto calo rispetto alle 37.031 della scorsa settimana pari a un -25,3%. A fornire il quadro delle somministrazioni dell'antidoto al coronavirus nel nostro Paese  è il report della Fondazione Gimbe che questa settimana è incentrato solo sui vaccini dopo lo stop ai dati giornalieri  sui contagi

Nella settimana considerata, cioè quella tra il 26 ottobre e il primo novembre, in generale calano anche i nuovi vaccinati,  1.339 rispetto ai 1.470 della settimana precedente. Di questi il 19,6% è rappresentato dalla fascia 5-11: con una riduzione del 36,4% rispetto alla settimana precedente. Calano anche tra gli over 50, quelli più a rischio di malattia grave

Al 2 novembre sono 6,8 milioni le persone di età superiore a 5 anni che non hanno ricevuto nemmeno una dose di vaccino anti covid di cui 6 milioni attualmente vaccinabili, pari al 10,4% della platea (dal 7,9% del Lazio al 13,9% della Valle D’Aosta).

Per quanto riguarda le terze dosi, la media mobile a 7 giorni è di 3.119 somministrazioni al giorno con  tasso di copertura nazionale all’84,4%: dal 78,5% della Sicilia all’88,3% della Lombardia. Sono 7,43 milioni le persone che non hanno ancora ricevuto la dose booster di cui 5,09 milioni che possono riceverla subito, pari al 10,7% della platea (dal 7% del Piemonte al 18,2% della Sicilia)

Stop ai dati del bollettino quotidiano anche per gli studiosi, Gimbe: "Inaccettabile"

Come detto, il monitoraggio della Fondazione GIMBE per la settimana 26 ottobre-1° novembre riguarda esclusivamente l’andamento della campagna vaccinale perché il Ministero della Salute ha disposto la sospensione della pubblicazione giornaliera del bollettino della pandemia di COVID-19 che sarà reso pubblico a cadenza settimanale ma risulta interrotta anche la pubblicazione quotidiana dei dati grezzi

"È inaccettabile che il pubblico accesso al patrimonio comune dei dati quotidiani sulla pandemia venga interdetto dal Ministero della Salute, con un anacronistico passo indietro sulla trasparenza. Per questo la Fondazione GIMBE ha inviato al Ministro Schillaci una richiesta di ripristino immediato della pubblicazione giornaliera dei dati che devono essere disponibili non solo “alle autorità competenti” ma anche alla comunità scientifica e alla popolazione intera" ha dichiarato Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione GIMBE.

196 CONDIVISIONI
32462 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni