“Non avevamo mai visto un ragazzo così giovane con questo quadro clinico”, così il primario del reparto di Malattie Infettive dell’ospedale Sant'Elia di Caltanissetta ha descritto la situazione e lo stato di salute di un ragazzo siciliano di soli 18 anni, ricoverato per covid nel nosocomio siciliano dopo essere risultato positivo al coronavirus e aver accusato gravi sintomi della malattia. Il ragazzo, residente a Mazzarino, cittadina del libero consorzio comunale di Caltanissetta, era risultato positivo nei giorni scori ed era finito in isolamento domiciliare ma le sue condizioni si sono aggravate rapidamente fino a richiedere il ricovero urgente e il trasferimento nel covid center di Caltanissetta.

Al 18enne diagnosticata polmonite interstiziale bilaterale

In ospedale al ragazzo è stata diagnosticata una polmonite interstiziale bilaterale e insufficienza respiratoria grave, tipici sintomi della fase avanzata della malattia scatenata dal coronavirus. “Fino ad oggi tra i pazienti covid non avevamo mai visto un ragazzo così giovane con questo quadro clinico. Quindi si tratta sicuramente di un caso raro” ha spiegato il primario del reparto dove è ricoverato il diciottenne, Giovanni Mazzola. Il giovane “attualmente manifesta insufficienza respiratoria, è in ossigenoterapia con la mascherina” ha fatto sapere lo stesso medico.

La situazione al covid Center di Caltanissetta

Al momento il ragazzo è la persona più giovane ricoverata nel covid Center di Caltanissetta dove tra i degenti figura anche una ragazza di 27 anni, le cui condizioni però sono già migliorate dopo le cure del caso, e un 25enne con coronavirus che necessita anche di dialisi. Gli altri pazienti hanno tutti un'età sopra gli 80 anni. Nell’ospedale siciliano i ricoveri sono più che raddoppiati dalla seconda ondata di contagi con diversi pazienti in condizioni critiche. Per i casi più gravi viene somministrata ossigenoterapia ad alti flussi e una terapia con remdesevir e desametaxone come previsto dai protocolli nazionali.