Immagine di repertorio.
in foto: Immagine di repertorio.

Dramma a Mongrassano, in provincia di Cosenza, dove un uomo di 45 anni, Giuseppe Marino, ha ucciso il fratello Pasquale, di 47 anni, travolgendolo con l'auto e passando più volte sul corpo che giaceva a terra. Secondo una prima sommaria ricostruzione, l'uomo, pastore di professione e alla guida di un'auto di grossa cilindrata, una Bmw scura e con targa straniera, avrebbe investito il fratello nei pressi del municipio, passando sul corpo più volte, per poi, subito dopo sfrecciare via abbandonando il luogo dell'omicidio. La vittima è morta sul colpo. Ad assistere alla scena alcuni passanti che hanno allertato i carabinieri, che hanno dato il via ad una vera e propria caccia all'uomo.

Sulle tracce dell'omicida che era al volante si sono lanciati i militari della Compagnia di San Marco, che nel frattempo hanno avviato anche i rilievi del caso, per meglio chiarire la dinamica di quello che ha assunto con il passare dei minuti i contorni di un omicidio. L'uomo è stato infine fermato poco dopo dai carabinieri nella zona del tribunale, nel capoluogo bruzio. Il quarantacinquenne ha ammesso le proprie responsabilità ed è stato sottoposto ad interrogatorio da parte dei magistrati inquirenti, nelle persone della Pm Donatella Donato e del procuratore capo Mario Spagnuolo. L'uomo è stato arrestato con l'accusa di omicidio volontario aggravato. All'origine dell'assassinio, secondo i primi accertamenti, vi sarebbero state continue liti tra i due fratelli che avrebbero coinvolto anche la figlia dell'uomo fermato, ma indagini sono ancora in corso per cercare di ricostruire l'esatto movente.