1.410 CONDIVISIONI
Covid 19
29 Febbraio 2020
22:31

Coronavirus, Oms: “Cane debolmente positivo a Hong Kong”, è il primo caso

C’è un primo caso di cane positivo al coronavirus a Hong Kong. Lo ha reso noto l’Oms. Il cane appartiene a una donna che ha sviluppato sintomi il 12 febbraio e successivamente è risultata positiva. L’animale non presenta alcun sintomo. Al momento è in quarantena e verrà restituito al proprietario una volta che sarà risultato negativo.
A cura di Susanna Picone
1.410 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Si registra un primo caso di cane positivo al coronavirus. La conferma arriva dall’Oms, che spiega che il caso è stato rilevato a Hong Kong. Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico del programma per le emergenze, ha affermato che sull'animale sono stati trovati bassi livelli di virus e gli specialisti locali non sanno ancora se lo abbia contratto autonomamente oppure se ne sia venuto a contatto da una superficie contaminata. Maria Van Kerkhove ha affermato che stanno “lavorando con loro” per chiarire l’accaduto e capire come si prenderanno cura di questi animali. Il cane appartiene a una donna di sessanta anni che ha sviluppato sintomi il 12 febbraio scorso e successivamente è risultata positiva al virus.

Coronavirus, il cane che non presenta sintomi è in quarantena

Il dipartimento per l'agricoltura, la pesca e la conservazione di Hong Kong ha fatto sapere che il cane non presenta alcun sintomo ed è "debolmente positivo". Al momento l’animale è in quarantena in una struttura in un porto e verrà restituito al proprietario quando risulterà negativo ai nuovi test. Il governo locale ha deciso di mettere in quarantena tutti gli animali domestici se i loro proprietari risultassero positivi al Covid-19. Al momento non ci sono prove che suggeriscano che animali come cani o gatti possano essere infettati dal coronavirus. Tuttavia, la situazione è ancora in evoluzione, affermano gli scienziati.

Coronavirus e animali, il parare di Sivemp

“Gli animali domestici accuditi in maniera corretta non sono assolutamente problematici, ma non bisogna mai accantonare l'ipotesi che ci possa essere una trasmissione di infezioni fra uomo e cane, cosa che ci impone di mantenere alta la sorveglianza veterinaria su tutte le patologie e le specie animali". A parlare  all'Adnkronos Salute è Aldo Grasselli, segretario nazionale del Sindacato italiano veterinari medicina pubblica (Sivemp), commentando la notizia secondo cui un cane sarebbe risultato positivo al nuovo coronavirus a Hong Kong. "Bisogna sempre mantenere alta e attenta – spiega Grasselli – la vigilanza su tutte le manifestazione patologiche che riguardano gli animali, perché non è detto che non ci sia poi una trasmissione all'uomo".

1.410 CONDIVISIONI
28238 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni