4.083 CONDIVISIONI
Covid 19
29 Febbraio 2020
08:40

Coronavirus, l’epidemiologo Demicheli spiega perché le scuole devono rimanere chiuse

L’epidemiologo Demicheli spiega perché è giusto prolungare almeno di una settimana la chiusura delle scuole nelle zone interessate dalla diffusione del virus: “I dati ci dicono che oggi ogni paziente con il coronavirus trasmette la malattia ad altri due. E dove ci sono molti contagi la curva epidemiologica cresce in modo esponenziale: bloccare a quel punto non serve più a nulla”.
A cura di Annalisa Cangemi
4.083 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

In un'intervista sul ‘Corriere della Sera' Vittorio Demicheli, epidemiologo dell'Unità di Crisi della Regione Lombardia spiega perché le scuole, che in alcune regioni riapriranno regolarmente a partire dalla prossima settimana, dovrebbero rimanere chiuse come misura di precauzione contro la diffusione del coronavirus: "La priorità resta limitare i contatti tra le persone, è l'unica strategia per rallentare il virus". Da una parte Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, dove è in cura il 93 per cento dei positivi degli 821 totali del Paese, probabilmente gli istituti resteranno chiusi per altri otto giorni. Mentre in Piemonte, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Marche e nelle province autonome di Trento e Bolzano gli studenti torneranno in classe. A Palermo e provincia le scuole rimarranno chiuse fino a lunedì 2 marzo, compreso. Poi tutto dovrebbe tornare alla normalità.

Ma Demicheli non pensa che la riapertura delle scuole sia una buona strategia, anche a fronte della bassa pericolosità: l'infezione infatti nel 90% dei pazienti non dà problemi clinici gravi. Ma, ricorda l'epidemiologo, c'è un 10% di casi che riguardano pazienti anziani che finiscono in terapia intensiva. E il sistema sanitario, dal punto di vista strutturale, è debole: da una parte gli ospedali vicino alle aree del contagio sono pieni, e i posti per i malati che hanno bisogno della Rianimazione rischiano di non essere sufficienti; dall'altra, fa notare Demicheli, il 10% dei malati sono medici e infermieri.

"I dati ci dicono che oggi ogni paziente con il coronavirus trasmette la malattia ad altri due. E dove ci sono molti contagi la curva epidemiologica cresce in modo esponenziale: bloccare a quel punto non serve più a nulla. Bisogna intervenire prima. Lo dice la scienza e la politica deve ascoltarla", spiega.

Secondo l'esperto, per isolare il virus, non basta chiudere le ‘zone rosse': "Il caso di Codogno, dove il contagio continua a essere di 5-6 casi al giorno come all’inizio, ci dimostra che intervenire dopo serve a poco: la corsa del virus ormai è partita. Se invece che nel Lodigiano, dove comunque ci sono solo 50mila abitanti, la stessa situazione succedesse a Milano, sarebbe un disastro. È il motivo per cui è fondamentale agire prima".

Demicheli spiega che mantenere queste misure di sicurezza per un'altra settimana significa far trascorrere 14 giorni dalla diagnosi di Covid-19 riscontrata nel paziente 1, cioè il 38enne di Codogno: "A quel punto possiamo avere un quadro più chiaro. L’obiettivo è rallentare i contagi in modo da portarli a uno a uno, cioè con una persona che ne infetta un’altra e non due come adesso. Per farlo bisogna limitare i contatti".

4.083 CONDIVISIONI
28337 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni