L'Italia è la seconda nazione al mondo per numero di vittime dovute al coronavirus. Secondo i dati della Johns Hopkins University, l'Italia al momento lamenta la perdita di 366 persone dovute all'infezione del CoVid-19, dietro soltanto alla Cina, che ne conta circa tremila. Dietro all'Italia, ci sono l'Iran con 194 persone decedute e la Corea del Sud, attualmente a quota cinquanta decessi. In questa "particolare" classifica, l'Italia è invece quarta per numero di contagiati: dopo la Cina, ci sono infatti Corea del Sud ed Iran, sempre secondo i dati dell'università di Baltimora, nel Maryland.

Secondo l'ultimo bilancio dei contagi da coronavirus in Italia, annunciato dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli, ad oggi si contano 6.387 contagiati: di questi, 2.180 si trovano in isolamento domiciliare, 3.557 sono ricoverati con sintomi e 650 si trovano in terapia intensiva e sub-intensiva. I guariti sono invece 622, mentre 366 sono come detto le persone decedute per il coronavirus. Complessivamente, considerando anche le vittime ed i guariti, le persone contagiate finora in Italia sono state 7.375 persone.

Numeri che hanno portato a misure straordinarie da parte del governo italiano, che ieri ha anche disposto l'isolamento di tutta la Lombardia (la regione più colpita in assoluto in Italia dall'emergenza coronavirus) e di altre 14 province sparse tra Veneto, Piemonte, Emilia-Romagna e Marche. Misure che hanno anche generato, a loro volta, misure straordinarie nelle altre regioni, dove si stanno attivando delle quarantene per chi arriva dalle "zone rosse" per evitare che il contagio si estenda anche nelle regioni attualmente "verdi".