Covid 19
1 Marzo 2020
18:55

In Italia il Coronavirus circola dalla seconda metà di gennaio: 1.694 i contagi e 34 i decessi

Il Coronavirus circola in Italia, probabilmente, dalla seconda metà di gennaio: ad affermarlo è Giovanni Rezza dell’Istituto Superiore di Sanità. I casi di contagio in Italia salgono a quota 1.694, di cui 34 decessi e 83 persone guarite. Andiamo a vedere i dati delle persone risultate positive al Coronavirus Regione per Regione.
A cura di Stefano Rizzuti
Coronavirus Covid–19
Coronavirus Covid–19
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

I numeri li fornisce, come ogni giorno, il commissario per l’emergenza Coronavirus, Angelo Borrelli. Il numero di contagiati in Italia continua ad aumentare e non sembra doversi fermare a breve, come spiega anche l’istituto Superiore di Sanità. Aumentano, inoltre, anche i morti: ora sono 34. Le persone che sono attualmente contagiate sono 1.577 in 14 Regioni e una provincia autonoma. A questi si aggiungono 34 deceduti e 83 guariti. Per un totale di 1.694 casi di Coronavirus accertati in Italia. Borrelli spiega anche che tra i 1.577 attualmente positivi al test ci sono: 798 persone in isolamento domiciliare, corrispondenti al 51% del totale. Questi pazienti “sono senza sintomi o con sintomi lievissimi”. Poi ci sono 639 ricoverati con sintomi e altre 140 persone in terapia intensiva (di cui 106 in Lombardia), pari al 9% del totale dei contagiati.

Coronavirus in Italia, il dato Regione per Regione

Per quanto riguarda i dati delle singole Regioni, è la Lombardia quella con più persone contagiate dal Coronavirus: attualmente sono quasi mille i casi positivi, con 106 ricoverati in terapia intensiva e 73 persone dimesse. Andiamo a vedere il dato dei contagiati Regione per Regione:

Lombardia 984

Emilia-Romagna 285

Veneto 263

Piemonte 49

Marche 25

Liguria 25

Campania 17

Toscana 13

Sicilia 9

Lazio 6

Friuli Venezia Giulia 6

Abruzzo 5

Puglia 3

Umbria 2

Calabria 1

Provincia autonoma di Bolzano 1

Sardegna 0

Basilicata 0

Molise 0

Valle d’Aosta 0

Provincia autonoma di Trento 0

Coronavirus, Iss: in Italia da seconda metà gennaio

C’è poi un altro dato emerso dalla conferenza stampa quotidiana nella sede della Protezione Civile e viene sottolineato da Giovanni Rezza, direttore del dipartimento Malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità: “Ricostruendo, i primi casi ufficiali confermati risalgono all’inizio del mese di febbraio, ma probabilmente già circolava nella seconda metà del mese di gennaio”. Il riferimento è a quando il Coronavirus è arrivato in Italia e, spiega Rezza, è difficile riuscire a risalire esattamente alle date considerando che nei primi giorni, peraltro, le Regioni fornivano le date sulla base delle notifiche dei nuovi contagi e non nell’ordine cronologico di infezione. C’è poi un altro elemento sottolineato da Rezza: “In questo momento vediamo ancora una accelerazione del numero dei nuovi casi ed era attesa, anche perché le misure sono state messe in atto solo una settimana fa e il tempo di incubazione medio è di 5-6 giorni e quello massimo di 12-13 giorni e prima di vedere un effetto dobbiamo aspettare almeno una settimana”.

31058 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni