Paura alla Bartolini di Bologna: nell’azienda di trasporti emiliana si segnala un nuovo focolaio da Covid 19. Secondo quanto riferito da Il Resto del Carlino, infatti, sarebbero oltre 40 i nuovi positivi tanto da aver costretto l’azienda di logistica a chiudere i magazzini. In un primo momento due magazzinieri sono stati trovati positivi, con la direzione che ha deciso di chiudere il magazzino a scopo precauzionale e allo screening al resto del personale. Il risultato? Un malato, quindi con sintomi che rispecchiano la presenza del virus, e 44 positivi, ma asintomatici.  L’azienda, però, non ha chiuso i battenti, continua a restare aperta e attiva soprattutto nella parte logistica e nelle consegne. Il lavoro, quindi, non si è interrotto.

Secondo la denuncia di Uil Trasporti, i contagi riguardano anche: “Due autisti – spiega Maurizio Lago – e la cooperativa operante in azienda sia stata allontanata. Al suo posto entrerà Cfp”. L’intenzione di Bartolini – che tuttavia non ha confermato – sarebbe quella di procedere con test a tappeto, attraverso tamponi a tutti i possibili dipendenti entrati a contatto con i positivi e avere un quadro generale del nuovo cluster. Lunedì era stata la Cobas a manifestare la propria preoccupazione per la situazione in Bartolini, a Bologna, per quanto concerne lo stabilimento di via Cerodolo: “Qui ci sono stati 12 positivi – ha denunciato il sindacato dei trasporti – ed è merito nostro la chiusura del magazzino e i controlli a tappeto”.