149 CONDIVISIONI
Covid 19
18 Marzo 2020
21:06

Dai libri alle mascherine: azienda veneta converte produzione e dona 2 mln dispositivi

Grafica Veneta, un’azienda di Trebaseleghe, ha deciso di convertire la propria produzione: non stamperà più libri, ma realizzerà le mascherine da fornire ai cittadini per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. L’azienda donerà due milioni di mascherine e punta ad arrivare alla produzione di 1,5 milioni di pezzi al giorno da distribuire alla popolazione.
A cura di Stefano Rizzuti
149 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Finora stampavano libri. Da ora si occuperanno della produzione di mascherine. Per l’azienda Grafica Veneta ci sarà una conversione del processo produttivo che porterà la società di Trebaseleghe, in provincia di Padova, a produrre mascherine da far indossare ai cittadini per fronteggiare l'emergenza Coronavirus. L’obiettivo è quello di produrre e donare immediatamente due milioni di mascherine per il Veneto. Poi, una volta entrata a regime la produzione, le mascherine realizzate giornalmente potrebbero essere fino a 1,5 milioni di pezzi al giorno. I prodotti realizzati saranno dispositivi di protezione non a uso chirurgico e verranno distribuiti in primis alla cittadinanza, nei supermercati o altrove, gratuitamente.

Coronavirus, azienda passa da stampa libri a mascherine

Durante il punto stampa nella sede della Protezione Civile di Marghera il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, sottolinea come finora l’azienda abbia stampato molti libri famosi, ma ora convertirà la sua produzione: “Il logo l’ho voluto io, perché uno che regala due milioni di mascherine lo merita”. Fabio Franceschi, patron di Grafica Veneta, spiega che la rotativa può stampare un chilometro lineare di carta al minuto. Poi il problema è quello di tagliare il prodotto ed effettuare tutte le operazioni in modo igienico.

Come e a chi verranno distribuite le mascherine

La distribuzione delle mascherine è già stata avviata, secondo quanto fanno sapere l’assessore alla Protezione Civile, Giampaolo Bottacin, e quello alla Sanità, Manuela Lanzarin. Che hanno inviato le lettere ai comuni veneti e ai centri servizi per anziani e alle case alloggio per disabili con tutte le indicazioni pratiche per la distribuzione. Le forniture verranno consegnate alle singole amministrazioni e poi i sindaci avranno il compito di favorire la distribuzione nel modo più capillare possibile. La distribuzione nei centri anziani, invece, verrà effettuata direttamente dall’azienda Grafica Veneta. Al momento l’azienda è in grado di ottenere “500-700mila pezzi al giorno e in una decina di giorno arriviamo a produrre 1,5 milioni di pezzi”, spiega Franceschi. Aggiungendo: “Il dispositivo deve essere un usa e getta da utilizzare in tutta la quotidianità, nei supermercati ad esempio. È una barriera che deve essere sostituita due o tre volte al giorno”.

149 CONDIVISIONI
31062 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni