947 CONDIVISIONI
News sul caso Ciro Grillo, accusato di stupro
6 Giugno 2021
09:27

Ciro Grillo, foto oscene accanto a una ragazza addormentata: “Uno scherzo, una goliardata”

“Una stupidata che non rifarei, anche se voglio ribadire che è stata una cosa goliardica, a mo’ di scherzo”. Sono le parole pronunciate da Ciro Grillo nell’ultimo interrogatorio dello scorso aprile in riferimento a foto e video osceni scattati – insieme a due amici – accanto a una ragazza addormentata a Porto Cervo.
A cura di Davide Falcioni
947 CONDIVISIONI
Ciro Grillo
Ciro Grillo
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News sul caso Ciro Grillo, accusato di stupro

"Uno scherzo" e "un gioco". Così, in uno degli ultimi interrogatori a cui sono stati sottoposti nei mesi scorsi, Ciro Grillo, Vittorio Lauria e Edoardo Capitta – tre dei quattro indagati per violenza sessuale di gruppo nei confronti di una ragazza italo norvegese residente a Milano – hanno giustificato agli inquirenti video e fotografie oscene scattate accanto a una ragazza addormentata. "Una stupidata che non rifarei, anche se voglio ribadire che è stata una cosa goliardica, a mo’ di scherzo", ha detto il figlio del comico genovese, mentre i suoi amici hanno definito quegli scatti "un brutto scherzo" privo di "alcun intento particolare di natura sessuale, era soltanto un gioco" e "un atto stupido, fatto solo per gioco senza mai toccare la ragazza e senza mai avvicinarci a lei". Giustificazioni che sono state fornite al procuratore Gregorio Capasso e alla sostituta Laura Bassani – della Procura di Tempio Pausania – in un interrogatorio  sostenuto nell'aprile 2021, ultima possibilità per evitare una richiesta di rinvio a giudizio.

La richiesta di rinvio a giudizio sarebbe arrivata lo stesso, tuttavia quel giorno i tre ragazzi hanno cercato di fornire delle spiegazioni convincenti ai magistrati e di chiarire il proprio ruolo in uno dei capi di imputazione che li riguarda: le foto oscene, appunto, scattate accanto a una loro ospite che dormiva ignara sul divano. Tale episodio non è contestato al quarto ragazzo della compagnia — Francesco Corsiglia — che, stando alle versioni di tutti, stava dormendo. A lui e a tutti gli altri, invece, è contestato il fatto più grave, cioè la violenza sessuale raccontata dall’altra ragazza ospite nella loro casa in Sardegna quel 17 luglio 2019.

Ciro Grillo, la Procura chiede il rinvio a giudizio

In riferimento a quell'episodio due giorni fa la Procura di Tempio Pausania ha chiesto il rinvio a giudizio per Ciro Grillo e i suoi tre amici. I fatti, lo ricordiamo, risalgono all'estate di 2019 e teatro della presunta violenza di gruppo sarebbe stato la casa di Grillo a Porto Cervo, in Sardegna. All'epoca dei fatti la presunta vittima aveva 19 anni. L'udienza per stabilire se ci sarà effettivamente un processo è stata fissata per il 25 giugno. Gli indagati per violenza sessuale di gruppo sono Ciro Grillo, Francesco Corsiglia, Edoardo Capitta e Vittorio Lauria, tutti genovesi di 22 anni. La Procura di Tempio accusa i quattro d'aver violentato la studentessa; mentre a Ciro Grillo, Capitta e Lauria è contestato anche un secondo abuso, che sarebbe stato commesso ai danni di una amica, con alcune foto scattate alla ragazza mentre dormiva.

947 CONDIVISIONI
News sul caso Ciro Grillo, accusato di stupro
40 contenuti su questa storia
Caso Ciro Grillo: i quattro indagati scelgono il rito ordinario, rischiano fino a 12 anni di carcere
Caso Ciro Grillo: i quattro indagati scelgono il rito ordinario, rischiano fino a 12 anni di carcere
Caso Ciro Grillo: udienza rinviata al 5 novembre, spunta nuovo filone per revenge porn
Caso Ciro Grillo: udienza rinviata al 5 novembre, spunta nuovo filone per revenge porn
Ciro Grillo e gli amici in caserma, risate e scherzi, ma anche paura: "Parliamo di altro"
Ciro Grillo e gli amici in caserma, risate e scherzi, ma anche paura: "Parliamo di altro"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni