94 CONDIVISIONI
News sull'omicidio di Alice Scagni a Genova

Chiuse le indagini sulla morte di Alice Scagni: “Fu omicidio premeditato e con crudeltà”

La Procura di Genova ha chiuso le indagini sulla morte di Alice Scagni, la 34enne uccisa dal fratello Alberto a maggio 2022: “Fu omicidio premeditato e con crudeltà”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Ida Artiaco
94 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News sull'omicidio di Alice Scagni a Genova

Quello di Alice Scagni fu un omicidio premeditato e con crudeltà. È questa la conclusione a cui è arrivata il pubblico ministero Paola Crispo. La procura di Genova ha così chiuso le indagini sulla morte della 34enne uccisa dal fratello Alberto, nove mesi fa, sotto casa a Genova Quinto.

All'assassino il pm ha contestato anche il porto abusivo di armi: un coltello lungo 14 centimetri infilato in un sacchetto. Alberto, difeso dagli avvocati Elisa Brigandì e Maurizio Mascia, può chiedere di essere interrogato entro 20 giorni prima della richiesta di rinvio a giudizio.

Immagine

Dopo l'omicidio era stato aperto anche un secondo fascicolo sulle presunte omissioni e sottovalutazioni degli allarmi lanciati dai familiari, che sono assistiti dall'avvocato Fabio Anselmo, famoso per aver supportato la famiglia di Stefano Cucchi: sono stati indagati due agenti e una dottoressa, interrogati nei giorni scorsi.

Nello specifico, a finire nel registro degli indagati sono una dottoressa della Salute mentale che avrebbe temporeggiato dopo la richieste dei genitori di ricoverare il figlio, e i due agenti, che non si sarebbero attivati dopo la chiamata del padre e della madre della vittima il giorno stesso dell'omicidio dopo una serie di minacce ricevute. Anche in questo caso, la Procura potrebbe a breve chiudere le indagini.  Secondo la madre di Alice, quella tragedia avrebbe potuto essere evitata.

Era il 2 maggio 2022 quando Alice Scagni, mamma di 34 anni, fu colpita a morte dal fratello Alberto con 19 coltellate. Tra i due i rapporti sarebbero stati molto tesi. L'omicidio si è consumato dopo una serie di minacce via telefono arrivate da Alberto alla famiglia. Nel gennaio del 2022 uno specialista affermò che era affetto da disturbi psichiatrici.

L'uomo in seguito è stato anche sottoposto a perizia psichiatrica. Secondo Elvezio Pirfo, il perito del giudice per le indagini preliminari, Scagni è semi infermo di mente ma capace di stare in giudizio. Il consulente della procura Giacomo Mongodi lo aveva definito pienamente capace.

94 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views