176 CONDIVISIONI
News sull'omicidio di Alice Scagni a Genova
4 Novembre 2022
14:59

Alice Scagni, il fratello Alberto capace di intendere e volere quando la uccise: ira della famiglia

Alberto Scagni, che lo scorso 1 maggio uccise con 19 coltellate la sorella Alice a Genova, è stato dichiarato “capace di intendere e di volere” da Giacomo Mongodi, psichiatra e consulente del pubblico ministero Paola Crispo. La mamma: “Fango sulla nostra famiglia”.
A cura di Ida Artiaco
176 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News sull'omicidio di Alice Scagni a Genova

Alberto Scagni era "capace di intendere e di volere" quando uccise con 19 coltellate la sorella Alice, 34 anni, il primo maggio scorso a Genova, e lo è tutt'ora.

È quanto stabilito da Giacomo Mongodi, psichiatra e consulente del pubblico ministero Paola Crispo, titolare sia dell'indagine sull'omicidio, sia di quella sulle presunte omissioni di polizia e dei medici di Salute mentale per gli allarmi lanciati dai familiari nelle settimane precedenti il delitto.

Nelle settimane scorse, Elvezio Pirfo, il perito del giudice per le indagini preliminari, aveva dichiarato Alberto, 42 anni, seminfermo. La procura ha poi chiesto la riapertura dell'incidente probatorio, che si sarebbe dovuto discutere ieri, e l'udienza è stata rinviata al 22 dicembre.

"Si tratta di una cosa mai vista – ha detto l'avvocato Fabio Anselmo che assiste i genitori dei due ragazzi – e contro quanto prevede il codice di procedura penale. Io ormai da questo processo mi aspetto di tutto. Ma la cosa grave è che un comportamento del genere arrivi dalla procura che lavora per lo Stato".

Delusione e rabbia è stata espressa anche dalla famiglia Scagni: "Oggi è stato sconfitto lo Stato – ha detto il padre di Alberto e Alice – ecco perché in Italia i processi sono così lenti. La procura lavora per tutti noi". Mentre la madre dei due, Antonella Zarri, ha dichiarato: "Ho in mano la “consulenza” del dott. Mongodi che è piena di riferimenti a chat e conversazioni private, totalmente avulse da argomentazioni medico-scientifiche, la cui presenza nell’elaborato la intendo avente come unico scopo quello di buttare fango sulla nostra famiglia e condannare il “mostro”, dimenticando il fatto che l’omicidio di Alice poteva essere evitato", ha ribadito.

Alberto e Alice Scagni (foto dal profilo Facebook di Alberto Scagni)
Alberto e Alice Scagni (foto dal profilo Facebook di Alberto Scagni)

Si ricordi che l'accertamento sulle condizioni mentali di Scagni è un passaggio importante perché potrebbe avvalorare le accuse dei familiari contro l'inerzia di polizia e medici. Secondo i genitori di Alice e Alberto, infatti, sarebbero stati sottovalutati gli allarmi e le loro richieste di aiuto: se fossero stati ascoltati e se si fosse intervenuti, la figlia avrebbe potuto salvarsi.

176 CONDIVISIONI
Omicidio Scagni, i genitori:
Omicidio Scagni, i genitori: "Nostro figlio ha ucciso sua sorella Alice, ma restiamo mamma e papà"
Omicidio Alice Scagni, i genitori:
Omicidio Alice Scagni, i genitori: "Nostro figlio ha ucciso nostra figlia, nessuno ci ha ascoltati"
748.071 di Chiara Daffini
Alice Scagni, la mamma su indagati per omissione:
Alice Scagni, la mamma su indagati per omissione: "Fumo negli occhi, siamo impotenti spettatori"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni