1.429 CONDIVISIONI
Processo sulla morte di Stefano Cucchi
12 Settembre 2015
17:21

Caso Cucchi, le testimonianze dei due carabinieri: “L’hanno massacrato”

Sono parole davvero scioccanti quelle di due carabinieri che hanno deciso collaborano con i pm che di Roma che hanno riaperto il caso del giovane geometra morto nel 2009 in circostanze misteriose. Si parla anche gli scontri interni alla caserma e un caso di verbali di arresto falsi. Testimonianze comunque tutte da verificare.
A cura di Biagio Chiariello
1.429 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Processo sulla morte di Stefano Cucchi

Non solo la  “frattura recente a livello lombare", ma anche le testimonianze di un carabiniere. Sono i due elementi di novità che potrebbero riaprire il caso di Stefano Cucchi, il ragazzo romano deceduto nell'ottobre del 2009 nel reparto detenuti dell'ospedale Pertini a una settimana dall'arresto. E’ stato il Fatto Quotidiano a riportare le parole dei militari dell’Arma, depositate nell’inchiesta bis della Procura di Roma sul caso Cucchi. I due hanno deciso di parlare dopo le assoluzioni di secondo grado, nell’ottobre 2014.

La prima testimonianza è quella di una carabiniera. Nella sua deposizione – comunque da verificare – avvenuta , davanti a Fabio Anselmo, il legale della famiglia del giovane morto, tira in ballo due figure: il comandante della stazione di Tor Vergata, luogotenente Enrico Mastronardi, (mai citato nell’inchiesta nè indagato) e il maresciallo Roberto Mandolini, che all’epoca dei fatti prestava servizio presso la stazione Appia e che risulta indagato per falsa testimonianza:  “Ero in corridoio con il comandante – racconta la carabiniera –. Arrivò Mandolini, che non conoscevo, in evidente stato di agitazione e disse a Mastronardi che i carabinieri avevano massacrato di botte un ragazzo”. La donna però afferma di non sapere chi sarebbero i carabinieri in questione: “Credo quelli che avevano operato l’arresto. Disse che non si erano regolati, a livello fisico. Cercavano di scaricarlo, ma nessuno si prendeva la responsabilità di prenderselo conciato così”.

Versione confermata dal collega che con lei era in servizio a Tor Vergata:  “Quel giorno si presentò con passo veloce e la faccia tesa. Gli chiesi: ‘Come stai?’. Mi disse: ‘I ragazzi hanno massacrato di botte un arrestato, è successo un casino’. Ho appreso solo dopo tramite i giornali che c’era stata la morte di Cucchi”.

I militari dell’Arma raccontano anche gli scontri interni alla caserma e verbali di arresto falsi:  “Il rapporto di fiducia si è incrinato, perché lui (Mastronardi, ndr) pretendeva che io facessi dei verbali di arresto falsi: faceva comparire me rispetto all’agente operante”, dice la carabiniera, che riferisce pure di insulti ricevuti.  Lo stesso fa anche il  carabiniere quando racconta come i rapporti a Tor Vergata “si sono guastati quando ho cominciato a vedere atteggiamenti poco chiari. (…) Io mi sono visto messo in un verbale d’arresto quando ero a riposo”.

Contattato dal Fatto, Enrico Mastronardi ha ammesso di aver incontrato Mandolini, ma non gli avrebbe riferito nulla: “Qualora mi avesse riferito un qualsiasi reato, lo avrei trascinato direttamente dai magistrati. Questi signori possono dire quello che vogliono, ne risponderanno”.

1.429 CONDIVISIONI
234 contenuti su questa storia
Omicidio Stefano Cucchi: il pestaggio nella caserma dei carabinieri
Omicidio Stefano Cucchi: il pestaggio nella caserma dei carabinieri "causa primigenia" della morte
Ilaria Cucchi:
Ilaria Cucchi: "Ho mantenuto la promessa fatta davanti al corpo di mio fratello, avrai giustizia"
Processo Cucchi sui depistaggi: 8 carabinieri condannati, 5 anni a Casarsa
Processo Cucchi sui depistaggi: 8 carabinieri condannati, 5 anni a Casarsa
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni