Un momento di gioia e di festa rischia di trasformarsi in tragedia con una persona ferita gravemente, una finita in carcere e altre due denunciate. Un 43enne è stato accoltellato allo stomaco durante i festeggiamenti per un battesimo a Cariati, in provincia di Cosenza. L’uomo è stato subito soccorso e trasportato in elisoccorso all'ospedale civile dell’Annunziata di Cosenza. Per l’episodio, i Carabinieri hanno arrestato nella notte il 34enne A.A. con l’accusa di tentato omicidio. Indagate a piede libero anche altre due persone: C.C. di trentacinque anni e A.C. di 30 anni. I tre sono tutti residenti a Cariati.

I fatti sono avvenuti nel pomeriggio di sabato 7 settembre, quando, durante un ricevimento per una festa di battesimo all’interno di un ristorante del luogo, si è verificata l’aggressione ai danni del 43enne, originario di Cirò (KR), al culmine di una discussione nel locale per futili motivi – complice anche l’assunzione alcolici. L’alterco sarebbe poi continuato all’esterno del ristorante, quando uno degli invitati avrebbe estratto un coltello da 16 centimetricolpito più di una volta ed in più parti del corpo, per l’appunto, l’interlocutore della discussione.

L’uomo è stato portato in ospedale dagli altri invitati con il coltello ancora conficcato nell’addome. Secondo una prima ricostruzione, il 34enne A.A., che dopo l’arresto è stato recluso nella Casa Circondariale di Castrovillari, si sarebbe allontanato senza prestare soccorso al 43enne in compagnia delle altre due persone poi indagate in stato di libertà. Nelle prossime ore l’udienza per la convalida dell’arresto e l’interrogatorio di garanzia dinanzi al Gip.