Sono arrivate per la precisione 570 domande per il bonus matrimonio, messo a disposizione dalla Regione Puglia per tutte le coppie che desiderose di coronare il proprio sogno d'amore nonostante le difficoltà economiche causate dall'emergenza Coronavirus ed anche per aiutare i professionisti del settore dopo i mesi di stop a causa del lockdown. Tuttavia, solo una ventina di loro potranno al momento usufruirne. Per il Programma Puglia wedding Travel Industry, infatti, la Regione aveva stanziano appena 30mila euro, quando invece, per poter esaudire le richieste di tutti, arrivate alla pec di Puglia Promozione, servirebbe circa un milione di euro, 855mila per la precisione. Come riporta il quotidiano Leggo, non è chiaro al momento come il governatore Emiliano e la giunta gestiranno l'emergenza. Certo è che più di mille persone sono in attesa di una risposta.

Il voucher stanziato dalla Regione Puglia è del valore di 1500 euro. Può essere richiesto fino al 10 dicembre e deve essere utilizzato come sconto sui costi della festa nuziale (dall’affitto della location per il ricevimento al fiorista, dal fotografo al wedding planner). Il bonus, per altro, è retroattivo alla data del 1 luglio, ovvero può essere richiesto anche se le nozze sono state celebrate nei mesi scorsi. Insomma, lo sconto che fa gola a molti. "Si tratta di una piccola cifra, ma utile ad attutire le difficoltà del momento. Ci auguriamo davvero che il vostro amore costruisca un Paese e un mondo più bello. Siamo con voi in questo momento complicato, ma l'allegria e la gioia che il vostro amore scatena nel vostro cuore è anche la nostra", aveva dichiarato Emiliano con un video messaggio pubblicato su Facebook, spiegando che il provvedimento era stato deciso per "dare un incoraggiamento concreto al settore, ovviamente sempre nel rispetto di tutte le misure previste per evitare contagi e il diffondersi del virus".

La Puglia non è l'unica regione che ha previsto un incentivo del genere. Anche la Sardegna ha lanciato uno speciale bonus per i matrimoni. La giunta Solinas ha previsto un contributo di quattromila euro con l’obiettivo di sostenere la filiera delle cerimonie. Sono finanziabili le spese di catering, abiti da cerimonia, addobbi floreali, wedding-planner, affitto sala e vettura per il giorno delle nozze. I contributi saranno erogati sino a esaurimento dei fondi e potranno beneficiarne tutti coloro che intendano celebrare il rito entro il 31 dicembre 2020 sulla base dell’ordine di presentazione della domanda e di un criterio di priorità stabilito in base all’Isee.