1.034 CONDIVISIONI
24 Agosto 2021
20:17

Bimbo morto dopo diagnosi gastroenterite, la nonna: “Non aveva patologie”. Speranza invia ispettori

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha fatto sapere che nei tre ospedali dove Giacomo è stato visitato e ricoverato saranno inviati gli ispettori. Anche il presidente della regione Veneto Zaia ha fatto sapere di aver avviato un’ispezione Super Partes per fare luce sulla morte del bambino di 5 anni residente a Porto Viro e deceduto dopo tre arresti cardiaci.
A cura di Chiara Ammendola
1.034 CONDIVISIONI

Sono tre gli ospedali nei quali il ministro della salute Roberto Speranza invierà un gruppo di ispettori che dovranno chiarire cosa sia accaduto al piccolo Giacomo, morto a soli 5 anni in seguito a tre arresti cardiaci. Si tratta delle strutture ospedaliere di Adria, Chioggia e Padova, in Veneto, dove il piccolo è stato visitato prima del decesso avvenuto lunedì mattina.

Gli ispettori nei tre ospedali dove è stato ricoverato Giacomo

In corso anche un'ispezione della Regione Veneto per fare chiarezza sulla vicenda iniziata domenica mattina quando il piccolo Giacomo, residente a Porto Viro, in provincia di Rovigo, è stato dimesso dal nosocomio di Adria con la diagnosi di gastroenterite. Successivamente, come riportato dall'Ulss 3 Serenissima, i genitori visto che i sintomi non accennavano a diminuire lo hanno portato a Chioggia dove è stato ricoverato nel reparto di Pediatria: è qui che Lorenzo è stato colto da un improvviso arresto cardiaco, il primo di tre, dopo il quale i medici hanno disposto il trasferimento immediato presso il reparto di Terapia intensiva pediatrica dell'ospedale di Padova. Ma, sempre stando a quanto riportato dalla nota dell'Ulss "nel frattempo si sono manifestati altri due episodi di arresto cardiaco, ripresi con le manovre rianimatorie".

Anche Zaia vuole chiarezza: Avviata ispezione Super Partes

Nonostante il trasporto a Padova, dove è giunto intorno alle 3 nella notte tra domenica e lunedì, Giacomo non ce l'ha fatta ed è morto intorno alle 7 a causa dell'aggravarsi delle sue condizioni. Una vicenda sulla quale è intervenuto anche il presidente della regione Veneto, Zaia, che ha fatto sapere in mattinata di aver avviato un'ispezione luce su quanto accaduto: "Sarà effettuata una ispezione super partes – ha spiegato Zaia – per ricostruire il percorso, sentire gli operatori di tutti gli ospedali e valutare passaggi e cartelle cliniche". "Davanti a una tragedia come questa, – ha aggiunto – non potevamo fare altrimenti. L'assessore alla sanità Manuela
Lanzarin ha avviato gli accertamenti per fotografare subito la situazione. Immagino che altre autorità apriranno un fascicolo".

La nonna: Mio nipote stava bene, non aveva nessuna patologia

Intanto la nonna materna del piccolo Giacomo ha chiarito che il nipote non soffriva di alcuna patologia: "S'è sentito male sabato notte, accusava continui episodi di vomito ed a quel punto i genitori hanno deciso di portarlo in ospedale – le parole della donna – a Chioggia, la situazione domenica pomeriggio sembrava stabilizzata. Alle 2 di lunedì notte, però, ho ricevuto una telefonata da mia figlia che mi avvertiva dell'immediato trasferimento di mio nipote a Padova per un improvviso e grave peggioramento. Poi il decesso, poche ore dopo". Il bimbo, precisa ancora la nonna, era risultato negativo al Covid. Inizialmente era stato riferito dell'insorgere improvviso di problemi respiratori ma l'Ulss 3 ha precisato che i sanitari hanno  riscontrato problemi gastroenterologici e cardiaci ma non respiratori.

1.034 CONDIVISIONI
Recluso in casa da due anni, dopo la denuncia di Fanpage per Lello si riaccende la speranza
Recluso in casa da due anni, dopo la denuncia di Fanpage per Lello si riaccende la speranza
Trovato morto nel garage a Catania, l’autopsia sul corpo del geometra: accoltellato dopo lite
Trovato morto nel garage a Catania, l’autopsia sul corpo del geometra: accoltellato dopo lite
Come è morto il figlio di Maurizio Zamparini, il padre: "Il giorno dopo doveva iniziare a lavorare"
Come è morto il figlio di Maurizio Zamparini, il padre: "Il giorno dopo doveva iniziare a lavorare"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni