3.319 CONDIVISIONI
Covid 19
24 Marzo 2020
22:07

“Arrestate il Coronavirus, vorrei giocare con gli amici”: la lettera di una bimba alla polizia

Una bambina di 6 anni residente a Torino, Mia, ha scritto una lettera indirizzata alla questura del capoluogo piemontese chiedendo a poliziotti e carabinieri di arrestare il Coronavirus: “L’ultima volta che sono uscita era febbraio – ha scritto la bimba – vorrei ritornare a giocare con i miei amici”.
A cura di Redazione
3.319 CONDIVISIONI
La lettera della bimba (dal quotidiano La Stampa)
La lettera della bimba (dal quotidiano La Stampa)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il coronavirus inteso non come il nemico invisibile che da oltre un mese sta mettendo in ginocchio l'Italia, contagiando decine di migliaia di persone e causando oltre 6800 morti, ma come un criminale da poter arrestare per poter tornare a giocare con gli amici. È la visione, ingenua e commovente, di una bambina di 6 anni residente a Torino, Mia. La bimba ha scritto una lettera indirizzata alla questura del capoluogo piemontese, nella quale si è rivolta ai poliziotti e ai carabinieri chiedendo loro di arrestare il virus per consentirle di tornare alla vita di tutti i giorni, fatta di quei piccoli piaceri come giocare con gli amici di cui la bambina si è improvvisamente trovata privata.

Mia, 6 anni: L'ultima volta che sono uscita era febbraio

"Abito a Torino e l'ultima volta che sono uscita è stato quando sono andata a scuola e agli scout. Era febbraio", ha scritto la piccola Mia in stampatello, con una matita, su un foglio a quadretti che è giunto alla questura torinese. La bimba, come ha scritto il quotidiano "La Stampa", si è rivolta a "voi poliziotti e carabinieri che arrestate il Coronavirus" chiedendo di esaudire il suo semplice desiderio: "Vorrei ritornare a giocare con i miei amici". La lettera si chiude poi con un ringraziamento alle forze dell'ordine "per tutto quello che fate".

Tanti i bambini che hanno ringraziato le forze dell'ordine

Non è la prima volta che, in questa emergenza Coronavirus, i bambini identificano nella polizia e nei carabinieri i "buoni" impegnati a combattere contro un nemico di cui probabilmente non possono avere contezza (e d'altronde, non l'hanno avuta nemmeno esperti ben più adulti e preparati di loro). Era accaduto in diverse occasioni nei pressi dell'ex zona rossa istituita nel Lodigiano, lì dove si è sviluppato il primo focolaio del contagio. Diversi i bambini che avevano ringraziato per il loro impegno le forze dell'ordine impiegate nei check point (perché la zona era isolata e non si poteva entrare né uscire), donando loro un disegno o delle caramelle.

3.319 CONDIVISIONI
32117 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni