76 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Omicidio Altavilla Milicia a Palermo

Arnesi da camino e fili elettrici, nella casa di Barreca le prove delle sevizie a moglie e figli

Mancano ancora i risultati delle autopsie ma col trascorrere dei giorni sembra ormai certo che moglie e figli di Giovanni Barreca, il 54enne che ha confessato la strage familiare di Altavilla Milicia, siano stati torturati, forse per giorni, prima di morire.
A cura di Susanna Picone
76 CONDIVISIONI
Giovanni Barreca e Antonella Salamone
Giovanni Barreca e Antonella Salamone
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Le autopsie sui corpi delle tre vittime di Altavilla Milicia – Antonella Salamone e i due figli di 5 e 16 anni – devono ancora essere effettuate ma col trascorrere dei giorni sembra ormai certo che moglie e figli di Giovanni Barreca – il muratore 54enne che domenica scorsa ha confessato la strage familiare alle porte di Palermo – siano stati torturati forse per giorni prima di morire.

Una mattanza iniziata probabilmente tra mercoledì e giovedì della settimana scorsa e culminata con l'assassinio della donna e dei due bambini. La figlia diciassettenne di Barreca – unica sopravvissuta alla strage – ha parlato di un esorcismo compiuto dal padre e da altre persone. Insieme al muratore sono stati fermati – e restano in carcere – una coppia di coniugi fanatici religiosi, Massimo Carandente e Sabrina Fina, ritenuti i suoi complici.

Nella villetta di Altavilla Milicia sarebbe andato in scena dunque questo macabro rito esoterico e poi sarebbero iniziate le torture. I fratellini Kevin ed Emanuel sarebbero stati contusi con catene, arnesi da camino e fili elettrici. Si tratta di oggetti che sono stati poi sequestrati dai carabinieri nella villetta e che appunto si ipotizza siano stati usati per colpire le vittime. Poi i fratelli sarebbero stati strozzati. La moglie di Barreca è stata anche bruciata. I resti della donna sono stati coperti con pietre e sterpaglie nel giardino.

Fiori e pupazzi davanti la villetta della strage - Luisa Santangelo/Fanpage.it
Fiori e pupazzi davanti la villetta della strage – Luisa Santangelo/Fanpage.it

Secondo quanto ricostruito finora, Barreca era convinto che moglie e figli fossero posseduti dal demonio e che fosse necessario un esorcismo per liberarli. Le autopsie sui corpi delle vittime è in programma sabato 17 febbraio, intanto saranno i Carabinieri a ricostruire la dinamica della strage familiare durante una conferenza stampa convocata oggi dal procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Termini Imerese, Ambrogio Cartosio.

Foto Luisa Santangelo/Fanpage.it
Foto Luisa Santangelo/Fanpage.it

Restano intanto in carcere Giovanni Barreca e la coppia di amici, Massimo Carandente e Sabrina Fina, accusati di omicidio plurimo e soppressione di cadavere per la strage di Altavilla Milicia. Lo ha deciso la gip di Termini Imerese, Valeria Gioeli, sciogliendo la riserva dopo la udienza di convalida del fermo emesso dalla procura di Termini guidata da Ambrogio Cartosio. La gip ha convalidato il fermo per Fina e Carandente e non per Barreca, per il quale ha confermato la misura restrittiva in carcere, come richiesto dal sostituto procuratore Lanza. Nel corso dell'udienza di convalida i tre indagati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

76 CONDIVISIONI
83 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views