179 CONDIVISIONI
26 Agosto 2012
11:53

Angelica torna a Ponticelli e racconta la sua verità (REPORTAGE)

La ragazza rom accusata del tentato rapimento di una neonata torna a Ponticelli, dove nel 2008 una folla inferocita aveva assaltato e incendiato i campi della zona e costretto centinaia di persone a fuggire. Angelica racconta ai microfoni di fanpage.it la verità su quello che accadde in quei giorni.
A cura di Alessio Viscardi
179 CONDIVISIONI
angelica rom ponticelli

Angelica Varga torna per un giorno a Ponticelli. La giovane rom accusata del tentato rapimento di un neonato nel maggio del 2008 quando aveva appena 15 anni: episodio che scatenò la violenza razzista ai danni della comunità rom, gli incendi e il progrom di anziani, donne e bambini. Angelica è stata condannata a quattro anni di reclusione, trascorsi tra il carcere minorile di Nisida e una casa famiglia della provincia di Napoli. A fine maggio ha scontato la sua pena ed è tornta libera. Ha deciso di parlare ai microfoni di fanpage.it e raccontare la sua verità. Nega l’accusa di rapimento e racconta la sua versione dei fatti. Lo fa tornando proprio in via Argine, per un giorno, davanti agli ex campi dove vivevano centinaia di suoi connazionali.

Prova a cacciare le paure e guardare quei campi incendiati dall’ignoranza e dagli affari criminali. In un italiano impeccabile, Angelica parla del suo passato e del suo futuro, riannodando i ricordi che aveva provato scrivere in un diario mentre era in comunità. Napoli, i magistrati che l’anno giudicata «era solo una bambina», gli operatori sociali e i volontari che l’hanno accolta e sostenuta, il popolo Rom, sono solo alcuni dei temi che affronta. E poi la “pena”, quella «dentro e fuori al carcere», afferma, «è la prima cosa che mi viene in mente ricordando questi anni». Eppure Angelica non si arrende e guarda al futuro. Tornerà in Romania per riabbracciare la sua famiglia e sua figlia che oggi ha cinque anni. A nemmeno vent’anni, la giovane originaria della Transilvania rivendica il diritto a una vita per «provare almeno ad assaggiare la felicità».

Eppure, prima di partire, sa di lasciare un pezzo di sé in Italia. Il nostro Paese non ha esitato a condannare una ragazzina di 15 anni e deve fare ancora i conti con la xenofobia, con la povertà e con le paure verso culture diverse.

A cura di Giuseppe Manzo e Alessio Viscardi

179 CONDIVISIONI
Ragazza ipovedente scomparsa da Barletta, il papà di Angelica: “Non si sarebbe mai allontanata da sola”
Ragazza ipovedente scomparsa da Barletta, il papà di Angelica: “Non si sarebbe mai allontanata da sola”
Il padre di Luca Attanasio:
Il padre di Luca Attanasio: "Dipendenti Onu a processo? Un passo importante verso la verità"
Torna la teoria dei
Torna la teoria dei "taxi del mare": campagna denigratoria del governo contro le Ong che salvano vite
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni