434 CONDIVISIONI
Le notizie sul maltempo nelle Marche
24 Settembre 2022
19:05

Alluvione Marche, la Protezione Civile: “Evento che accade ogni mille anni”

I fenomeni meteorologici avvenuti evidenziano l’eccezionalità delle caratteristiche di un evento atmosferico di tale portata.
A cura di Biagio Chiariello
434 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Le notizie sul maltempo nelle Marche

L'alluvione che ha colpito le Marche tra il 15 e il 16 settembre è stato un evento meteo eccezionale, al punto "che ha una probabilità di accadimento una volta oltre 1000 anni". Lo ha fatto sapere la Protezione Civile Regionale in merito al rapporto sulla sciagura costata la vista a 12 persone (c'è ancora un disperso) e pubblicato sul sito della Regione Marche.

I tempi di ritorno delle cumulate di pioggia negli intervalli di tempo 3 h e 6h hanno raggiunto valori che si possono definire "fuori scala" rispetto alle metodologie utilizzate, sicuramente superiori a 1000 anni.

 "I tempi di ritorno delle cumulate di pioggia negli intervalli di tempo 3 ore e 6 ore hanno raggiunto valori che è possibile definire ‘fuori scala' – scrive la Protezione civile regionale – rispetto alle metodologie utilizzate, sicuramente superiori a 1000 anni".

"Tale fatto è confermato – prosegue – dall'estensione delle aree alluvionate dal fiume che hanno occupato anche terreni deposti come minimo in epoca medioevale".

La Protezione Civile evidenzia poi come le precipitazioni registrate ai pluviometri, essendo puntuali, potrebbero sottostimare i quantitativi areali.

Gli idrometri della rete di monitoraggio installati nei bacini di Misa e Nevola per seguire l'andamento dei livelli idrici, eccettuato quello di Bettolelle, situato a valle della confluenza tra i due fiumi, "sono stati danneggiati o spazzati via" da una improvvisa ondata di piena che ha sormontato i sensori senza dargli neanche il tempo di segnalare l'aumento dei livelli registrati.

Questo ha reso impossibile il monitoraggio strumentale di quanto stava accadendo.  In un intervallo di un'ora all'incirca tra le 20:30 e le 2:30 si è in pratica passati da una situazione misurata di pochi centimetri di acqua in alveo, ad una situazione di assenza del dato.

434 CONDIVISIONI
56 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni