2.960 CONDIVISIONI
Covid 19
29 Maggio 2022
09:25

Allarme vaccini per l’autunno: oltre 4 milioni di persone senza terza dose

In un mese sono raddoppiate le persone che si sarebbero dovute sottoporre alla terza dose e che invece non l’hanno fatto entro 180 giorni dalla precedente.
A cura di Giacomo Andreoli
2.960 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Oltre 4 milioni di italiani senza terza dose, mentre la somministrazione della quarta procede ancora a rilento. Sono questi gli ultimi dati sui vaccini in Italia, allarmanti non in vista dei prossimi mesi estivi, ma per lo più di quelli autunnali e invernali, in cui si rischia una nuova pericolosa ondata di contagi.

In un mese sono raddoppiate le persone che si sarebbero dovute sottoporre alla terza dose e che invece non l'hanno fatto entro 180 giorni dalla precedente. Sul fronte quarta dose, invece, si è raggiunto il 31% di copertura tra gli immunocompromessi e il 14% tra over 80 e fragili nella fascia d’età 60-79 anni. In generale, invece, l’86,5% della popolazione sopra i 5 anni ha terminato il primo ciclo vaccinale. A fornire i numeri è la Fondazione Gimbe, con il quadro aggiornato al 25 maggio.

Nel suo ultimo monitoraggio, i tecnici di Gimbe hanno registrato una ulteriore riduzione dei nuovi vaccinati: 4.280 rispetto ai 4.723 della settimana precedente. Un dato che in particolare continua a scendere tra gli over 50, la categoria più a rischio di sviluppare la malattia grave in caso di infezione. In totale sono 6,87 milioni le persone di età superiore ai 5 anni (che possono quindi ricevere il vaccino) a non aver fatto nemmeno una dose.

Sulle terze dosi il tasso di copertura nazionale è dell'82,9%, con nette differenze regionali: in Sicilia, ad esempio ha ricevuto il booster solo il 77,2% della popolazione. Eppure 4 milioni di persone, appunto, potrebbero farsi inoculare la dose, mentre altri 4,1 milioni non possono riceverla subito perché guariti da meno di 120 giorni.

"In meno di un mese – ha spiegato il presidente di Gimbe Nino Cartabellotta – le persone candidate a ricevere subito la dose booster sono più che raddoppiate (da 1,83 milioni il 28 aprile a oltre 4 milioni il 25 maggio) in quanto sono trascorsi 120 giorni dal completamento del ciclo primario o dalla guarigione dopo il ciclo primario". La media di vaccinati al giorno è scesa infatti a circa 7mila, con i meno propensi a vaccinarsi tra gli adolescenti nella fascia 12-19 anni. Tra questi sono più di un 1 milione coloro che non hanno ricevuto il booster anche se avrebbero potuto.

2.960 CONDIVISIONI
31376 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni