933 CONDIVISIONI
Covid 19
19 Novembre 2021
07:56

Allarme dei rianimatori: “Terapie intensive terranno un mese senza una stretta delle misure”

I rianimatori: “Se non verrà applicata in modo stringente la norma sul Green Pass e non si incentiveranno le terze dosi, potremmo raggiungere una situazione drammatica nel giro di un mese e mezzo circa in tutto il Paese”.
A cura di Davide Falcioni
933 CONDIVISIONI
Terapia intensiva, Covid
Terapia intensiva, Covid
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Attualmente c'è una situazione allarmante per l'occupazione delle terapie intensive in FVG, oltre la soglia del 10%, e la Provincia autonoma di Bolzano. La situazione è preoccupante anche in Veneto. In generale, se non verrà applicata in modo stringente la norma sul Green Pass e non si incentiveranno le terze dosi, potremmo raggiungere una situazione drammatica nel giro di un mese e mezzo circa in tutto il Paese". A dirlo ieri all'ANSA il presidente dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri, Alessandro Vergallo. "Chiediamo che la durata del Green Pass sia 6 mesi, dato il calo di efficacia del vaccino dopo tale periodo", ha aggiunto Vergallo, lanciando un chiaro allarme sul rischio che il Sistema Sanitario Nazionale collassi nuovamente a causa della quarta ondata, come del resto sta già accadendo in altri paesi europei. Secondo Vergallo l'aumento delle infezioni in Friuli Venezia Giulia e Provincia di Bolzano è da attribuire anche alla vicinanza con paesi come Slovenia e Austria, il cui quadro epidemiologico è particolarmente grave. Non siamo ancora in una situazione di allerta generale nelle rianimazioni, ma "bisogna guardare i dati in prospettiva ed agire di conseguenza: ci sono circa 3 settimane tra il contagio e la possibilità che si renda necessario un ricovero in intensiva ed i numeri sono preoccupanti".

La tenuta del sistema sanitario secondo il presidente dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri "dipenderà appunto dall'andamento delle terze dosi e delle vaccinazioni a chi non è ancora immunizzato, oltre al corretto uso delle misure". Dunque, a differenza di un anno fa stavolta il peggio si può evitare perché gli strumenti per rallentare l'ondata epidemica ci sono, "ma vanno applicati in modo stringente e la politica – è il monito di Vergallo – deve assumersi la responsabilità di prendere delle decisioni". Il numero dei posti letto in intensiva, affermano gli esperti, non è in ogni caso la soluzione perché "non si può moltiplicare all'infinito e bisogna invece puntare a misure ragionevoli". Ad oggi, i posti disponibili, secondo le stime Aaroi, sono circa 6mila a livello nazionale, ovvero 900 in più rispetto a quelli censiti prima della pandemia.

933 CONDIVISIONI
29695 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni