1.455 CONDIVISIONI
Covid 19
11 Settembre 2020
20:40

Alessandria, medico va in ospedale con la febbre: positivo al coronavirus, scatta l’allerta

L’episodio ad Alessandria, all’ospedale Santi Antonio e Biagio. Il medico si è presentato a lavorare in ospedale con la febbre scoprendo successivamente che era stato effettivamente contagiato dal coronavirus a seguito dell’aggravarsi dei sintomi. L’azienda sanitaria dal suo canto ha fatto sapere che “ha già avviato le procedure previste ed effettuato i tamponi al personale.
A cura di Antonio Palma
1.455 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Era consapevole di avere dei sintomi riconducibili al covid ma il medico si sarebbe presentato comunque a lavorare in ospedale con la febbre scoprendo successivamente che era stato effettivamente contagiato dal coronavirus a seguito dell'aggravarsi dei sintomi. È quanto accaduto nelle scorse ore ad Alessandria, all'ospedale Santi Antonio e Biagio, e che ha fatto subito scattare l'allarme dell'azienda sanitaria piemontese. Tutto il personale dell'ospedale è stato immediatamente sottoposto a tampone ed è stata avviata l'indagine epidemiologica per individuare le persone che siano state a contato diretto e prolungato col medico protagonista della storia. L'uomo, come riporta La Stampa, lavora nel reparto di Ginecologia e Ostetricia dell'ospedale di Alessandria ed è ora ricoverato nella stesso nosocomio dopo essersi sentito male.

L'azienda sanitaria dal suo canto ha fatto sapere che "ha già avviato le procedure previste ed effettuato i tamponi al personale di tutto il reparto a seguito della segnalazione di positività di un operatore del reparto". In attesa di capire cosa non abbia funzionato nei controlli, visto che in ospedale viene rilevata la temperatura all'ingresso, dalla struttura sanitaria assicurano  che tutte le procedure di controllo e tutela restano operative. "Si ricorda che l’obbligo di utilizzo dei DPI vigente in Azienda tutela la diffusione del virus tra pazienti e operatori e l’Azienda sta procedendo con i propri protocolli di sicurezza. Si ricorda che sono previste specifiche indicazioni per operatori e visitatori che prevedono che a ogni ingresso sia rilevata la temperatura corporea ed effettuata l’igiene delle mani" scrivono in un nota dall'ospedale

"Ad ogni accesso è stato predisposto un checkpoint con la presenza di personale, fornita di termoscanner e gel antisettico per le mani. Inoltre è obbligatorio l’utilizzo dei DPI per tutta la permanenza in ospedale, contro la diffusione del virus" aggiungono dall'Asl , avvertendo: "Qualora gli operatori non seguissero le indicazioni fornite, a seguito di precise verifiche, l’Azienda avvia le azioni dovute" .

1.455 CONDIVISIONI
28153 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni