314 CONDIVISIONI
Covid 19
24 Marzo 2021
13:00

“A 82 anni ancora non vaccinato”, la protesta social di nonno Pierdomenico

Nonno Pierdomenico Vannini, pensionato toscano di 82 anni, ha deciso di lanciare una protesta social per non essere stato ancora vaccinato nonostante vari tentativi di prenotazione per la campagna di vaccinazione covid. L’uomo è preoccupato non solo per la sua salute ma anche per quella della moglie che infatti è anziana e anche immunodepressa.
A cura di Antonio Palma
314 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

“Ottantadue anni, fiorentino, non ancora vaccinato e… ne ho parecchi davanti", è il cartello con cui nonno Pierdomenico Vannini, pensionato toscano di 82 anni, ha deciso di lanciare una protesta social per non essere stato ancora vaccinato nonostante vari tentativi di prenotazione per la campagna di vaccinazione covid. Ad aiutarlo in questa campagna è la nipote Matilde a cui l’82 enne ha chiesto aiuto dopo aver già scritto una lettera al governatore Giani e al sindaco Nardella. La giovane ha postato quindi uno scatto dell’uomo su Instagram con un cartello in mano in cui ha deciso di lanciare l’appello.

"Ho paura di prendere il covid e passarlo a mia moglie"

“Mio nonno ha 82 anni ed è in ansia perché ancora non è stato vaccinato con la prima dose. La sua è diventata una fissazione tanto da parlare solo di questo. Guarda la TV ed è preoccupato e arrabbiato delle notizie che sente” ha spiegato la nipote dell’uomo. Preoccupazioni non solo per la sua salute ma anche per quella della moglie che infatti è anziana e anche immunodepressa. "Mio nonno ha 82 anni e ha paura di prendere il covid e passarlo a mia nonna, 78 anni, a sua volta preoccupata perché è gravemente immunodepressa (da aver bisogno di infusione mensile di immunoglobuline). Anche lei, particolarmente fragile, ancora non sa quando potrà fare questo benedetto vaccino. Mi sembra un'ingiustizia che una persona anziana debba attendere ancora non si sa per quanto il vaccino e che stia male per questo” scrive ancora Matilde. “So che arrivano poche dosi, non dipende dalla mia dottoressa. Ma mi chiedo: perché altre categorie meno a rischio sono già state vaccinate e con noi ottantenni si va così a rilento?” si chiede nonno Pierdomenico, un passato come autista a Palazzo Vecchio. "È anche molto arrabbiato perché mentre vede che le altre "liste" di vaccinazione scorrono più veloci, quella degli over 80 scorre in modo non agevole, tanto che la sua Dottoressa non sa quando a mio nonno toccherà il suo turno del vaccino, ci sono più di 100 persone over 80 in lista prima di lui” ha scritto la nipote.

La Toscana molto indietro per vaccini agli over 80

In effetti la Toscana è una delle regioni con la percentuale di vaccinati over 80 più basse superando di poco il 5 per cento. Secondo il piano originale presentato in Parlamento dal ministro Roberto Speranza, gli anziani avrebbero dovuto essere vaccinati contro la Sars-CoV-2 entro fine marzo. La svolta però potrebbe essere dietro l’angolo visto che il nuovo piano vaccinale impone alle regioni di dare priorità a queste categorie sospendendo le prenotazioni di tutti gli altri. Intanto ieri Giani ha annunciato che in Toscana sono aperte le prenotazioni per le persone estremamente vulnerabili.

314 CONDIVISIONI
29519 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni