Filtra un po’ di ottimismo sulle condizioni di Angela Grignano, la ragazza italiana rimasta ferita nell’esplosione di Parigi. “I medici ci hanno rassicurato che l'operazione è andata più che bene, sono molto contenti e ottimisti. Siamo commossi da come il Signore ha ascoltato le preghiere di tutte le persone che hanno pregato per Angela, e come questo affetto ci sta sostenendo e ha condotto le mani dei medici”, dice padre Giuseppe, sacerdote e fratello della giovane, operata alla gamba sinistra. L’intervento è stato svolto nel pomeriggio a Parigi, dove Angela si era trasferita da un mese e mezzo per proseguire anche gli studi di ballo e dove lavorava, in un albergo, nelle vicinanze della panetteria in cui è avvenuta ieri l’esplosione.

L’esplosione non ha colpito organi vitali, ma Angela è rimasta gravemente ferita a una mano e il rischio era quello di perdere una gamba. A rassicurare sull’esito dell’operazione è intervenuto anche Nicola Rizzo, sindaco di Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani. Parlando con LaPresse ha confermato che l’operazione alla gamba è andata bene e i medici sono soddisfatti di come è andato l’intervento. Inoltre, secondo quanto riporta una collega di Angela, Sabrina Giglia, al Tg1, la gamba della giovane è salva. “Ho parlato con il fratello di Angela – afferma Sabrina – e mi ha detto che sta bene, che la gamba è salva e che non verrà amputata”.

La 24enne si è svegliata dal coma proprio oggi, come fatto sapere dai familiari: “Angela ha capito quello che dicevamo. I medici hanno ridotto i farmaci che la tenevano in coma farmacologico, si è svegliata e dà cenni di comprensione”. Nelle scorse ore Angela è stata già sottoposta a due interventi d’urgenza: una alla mano, completamente recuperata, e una alla gamba destra. Per la gamba la situazione è comunque apparsa più complessa sin dall’inizio, ma l’esito dell’operazione fa ben sperare i parenti e gli amici di Angela.