Quando l'hanno accompagnata dal dentista per un semplice controllo di routine e per la pulizia dei denti, i genitori di Hunter Jones non avrebbero mai pensato di scoprire che la loro bambina, di soli 4 anni, aveva il cancro. Più precisamente, un neuroblastoma, un tumore che ha origine dai neuroblasti, cellule presenti nel sistema nervoso simpatico e che può colpire vari organi. Il loro incubo, che hanno raccontato di recente alla stampa anglosassone, è cominciato nel novembre del 2017, quando la bambina è stata accompagnata dai genitori nello studio del dottor Harlyn Sussarla alla Stellar Kids Dentistry di Everett, Washington, Stati Uniti, per una visita di controllo. Ma il medico notò che la piccola mostrava una perdita di denti molto strana per la sua età. Così, consigliò una radiografia, che rivelò la terribile diagnosi.

Hunter aveva un tumore alla mandibola. Pochi giorno dopo è stata ricoverata all'ospedale pediatrico di Seattle, dove altri specialisti hanno confermato che si trattava nello specifico di un neuroblastoma. "Eravamo sotto choc – ha raccontato mamma Kara -. Mia figlia non ha mai mostrato alcun sintomo o malessere. Non riuscivo a credere a quello che era successo". In genere, i bambini che si ammalano di questa patologia, molto frequente nei minori fino a 5 anni d'età, soffrono di dolore addominale, dolore toracico, occhiaie intorno agli occhi, febbre e perdita di peso, ma nessuno di questi era apparso nella bimba. "Ci hanno detto che era già al quarto stadio e che la percentuale di sopravvivenza era ferma al 40, massimo 50 per cento. Nel frattempo il tumore si era esteso anche all'addome e all'anca".

Nei 18 mesi successivi la bambina è stata ricoverata all'ospedale di Seattle, dove è stata sottoposta a due interventi chirurgici, cinque cicli di chemioterapia, 12 cicli di radiazioni, due trapianti di cellule staminali e a sei cicli di immunoterapia. "È un trattamento molto aggressivo – hanno continuato i genitori -, che comporta ulteriori rischi per la sua salute, come la possibilità che possa sviluppare altre patologie, come leucemia, malattie renali, malattie del fegato o cardiache. Ma è necessario per la sua guarigione". L'ultima seduta è avvenuta lo scorso mese, quando Hunter è stata dichiarata in via di miglioramento dai suoi medici: "Siamo grati di aver fatto visitare la nostra bambina da quel dentista, che le ha praticamente salvato la vita".