Un rifiuto verso alcuni ragazzi più grandi che volevano farsi una canna davanti alla scuola, questo sarebbe bastato per far scattare una rappresaglia violenta  nei confronti di un giovane studente 15enne, appena al terzo giorno di scuola in un istituto scolastico superiore piemontese. Come racconta il quotidiano locale l'Eco del Chisone , è quanto accaduto nella mattinata di mercoledì all'Istituto Alberghiero di Pinerolo, in provincia di Torino, ora al vaglio delle autorità scolastiche ma anche dei carabinieri a cui i genitori del ragazzo hanno sporto denuncia.

"È incredibile e inquietante  che in una città relativamente tranquilla come Pinerolo, un ragazzino di 15 anni, al terzo giorno di scuola, venga malmenato in pieno giorno per essersi rifiutato di tenere un comportamento scorretto", ha commentato il preside dell'istituto frequentato dal ragazzo, Rinaldo Merlone. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il 15enne sarebbe stato avvicinato da un gruppo di ragazzi intorno alle 8 alla fermata dell'autobus da cui era appena sceso. Poi la richiesta, il rifiuto dell'adolescente e l'aggressione a pugni.

Il ragazzino è scappato via rifugiandosi a scuola dove poi lo hanno accompagnato in ospedale. "Era appena arrivato col bus proveniente da Giaveno e dopo l'aggressione è stato portato qui da noi, in presidenza. Abbiamo subito allertato la famiglia ed è stato accompagnato all'Ospedale. Era molto dolorante e molto amareggiato. Purtroppo non ha riconosciuto nessuno dei suoi aggressori" , ha spiegato il preside.