"Le dichiarazioni del ministro degli Interni rese a seguito del decesso di un cittadino tunisino nel corso di una attività di polizia appaiono inopportune e non rispettose delle prerogative della magistratura. Sarebbe stato necessario attendere la conclusione dei doverosi accertamenti che stanno coordinando i magistrati, gli unici ad essere competenti, sulla base di rigidi parametri costituzionali, a dirigere le attività investigative in corso volte all'accertamento dei fatti". Sono queste le parole dure della Giunta dell'Anm, che ha attaccato il vicepremier leghista Matteo Salvini.

Ieri infatti, commentando sul suo profilo Facebook la morte del cittadino tunisino, il ministro degli Interni aveva scritto: "Buon sabato ai poliziotti che a Empoli facendo il loro lavoro hanno ammanettato un violento, un pregiudicato che poi purtroppo è stato colto da arresto cardiaco. Se i poliziotti non possono usare le manette per fermare un violento, ditemi voi cosa dovrebbero fare, rispondere con cappuccio e brioche?".

Le indagini sulla morte del 31enne tunisino sono tutt'ora in corso: l’uomo è morto mentre era ammanettato e aveva le caviglie legata da un cordino, perché, secondo la ricostruzione, le forze dell'ordine non riuscivano a calmarlo e l'uomo era fuori di sé. Domani è prevista l'autopsia sul corpo della vittima. Nella polemica è intervenuto anche il capo della polizia Franco Gabrielli: "Io rispetto le vittime e i loro familiari, chiedo che analogo rispetto sia riferito a uomini e donne che lavorano per riaffermare le legalità. Se qualcuno ha sbagliato pagherà per un giusto processo e non per le farneticazioni del tribuno di turno".

Anche il Pd ha criticato la posizione assunta dal ministro. "Ma stiamo scherzando? Oggi un uomo muore dopo essere stato legato e malmenato col sospetto di aver diffuso 20 euro falsi e il ministro degli Interni ironizza dicendo ‘se i poliziotti non possono usare le manette cosa devono fare offrono cappuccino e brioche?'. Ma siamo in Italia o a Guantanamo? Ci deve essere una sollevazione popolare contro l'abuso di potere che calpesta la legge che non può essere per nessuna ragione giustificato. Invece di essere un Paese che parla di bellezza di cultura e di rispetto ci stiamo imbarbarendo", ha detto il deputato del Pd Gianfranco