Soltanto venerdì scorso una brutta influenza lo aveva costretto a letto: febbre alta e mal di testa avevano convinto i genitori a portarlo in ospedale, ma i medici lo avevano dimesso perché si trattava di un normale virus influenzale. Invece Luigi Martignago, di Musano di Trevignano e portiere di calcio del Ponzano, è morto nella serata di ieri, martedì 22 gennaio, all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso proprio a causa delle complicanze dell'influenza, lasciando sotto choc la famiglia e i suoi compagni di scuola. A stroncarlo, infatti, sarebbe stato un infarto provocato da una miocardite di origine virale. È stata, tuttavia, disposta l'autopsia sul corpo del giovane, che verrà eseguita venerdì prossimo per fugare ogni dubbio.

Il ragazzo aveva cominciato a stare male alla fine della scorsa settimana. Presentava i classici sintomi dell’influenza, ma il virus sembrava averlo colpito in modo più forte del solito, con febbre altissima, mal di testa e dolori articolari. Per questo era stato portato dai genitori al pronto soccorso dell’ospedale di Montebelluna. Ma i medici l'hanno dimesso poche ore dopo, prescrivendogli una terapia di antipiretici e riposo. Poi lunedì il tragico epilogo: le sue condizioni sono precipitate. I genitori hanno chiesto l’intervento di un'ambulanza e il ragazzo è stato portato d’urgenza all’ospedale di Treviso dove è deceduto poco dopo le 19. Luigi lascia il padre Giacinto e la madre, di origini giapponesi, oltre ad una sorella piccola che frequenta la quinta elementare. Nella serata di oggi, giovedì 24 gennaio, alle ore 20.00, presso la Chiesa di Musano, ci sarà un momento di preghiera per lui e la sua famiglia, così come annunciato su Facebook.