Una nuova scossa di terremoto oggi dopo quella dell'altra dell'altra sera in Molise. Anche in questo caso l'epicentro del sisma è in Molise e la scossa è stata avvertita distintamente anche a Napoli, in gran parte della Campania e del Centro-Sud, a Bari e fino a Roma. Secondo i primi dati diffusi da Ingv, la magnitudo del sisma registrato alle 20.19 è di 5.2. Epicentro a 4 km a Sud-Est di Montecilfone, nella provincia di Campobasso, a una profondità di 9 km (il sisma del 14 agosto registrato a una profondità di 19 km). Guglionesi, Palata, Larino e Tavenna i comuni, tutti nella provincia di Campobasso, più vicini all’epicentro del terremoto. Paura anche a Campomarino. Secondo la Protezione Civile, diverse persone – scese in strada dopo la forte scossa – hanno riferito di avere lesioni nelle proprio abitazioni. A Palata (Campobasso) si segnalano anche oggetti caduti nelle case, con piatti e bicchieri in frantumi e mobili spostati.

Il sindaco di Montecilfone, Franco Pallotta, contattato da SkyTg24, ha detto che fortunatamente per il momento non sembrano arrivare notizie di danni a persone. Ha confermato però che la scossa di terremoto è stata avvertita distintamente da tutta la popolazione, che è scesa in strada allarmata, molto più di quella del 14 agosto. Il sindaco ha anche detto che qualche vecchio muro è crollato, ma erano stati già messi in sicurezza e non hanno creato danni. La Protezione Civile di Guardialfiera ha riferito di gente in strada, lesioni alle case ma non di crolli di abitazioni. "Piccoli crolli ad Acquaviva Collecroce. Anche un lampione della pubblica illuminazione è caduto. La gente è tutta in strada, c'è molta paura", ha dichiaratoFrancesco Trolio, sindaco di Acquaviva Collecroce.

Pochi minuti dopo la scossa di magnitudo 5.2 è stata registrata dalla sala Sismica Ingv-Roma un'altra scossa più leggera, di magnitudo 2.8 alle ore 20.26. E ancora, alle 20.30 un terremoto di magnitudo 3.0 è stato registrato a Guglionesi (Campobasso). La zona colpita è classificata di pericolosità medio-alta. Alle ore 21:00 la Rete Sismica Nazionale ha localizzato nell’area oltre all’evento principale delle ore 20:19 altri 10 eventi di magnitudo compresa tra 1.6 e 3.0.

La precedente scossa del 14 agosto – La scossa di terremoto del 14 agosto sera ha avuto magnitudo 4.6 e epicentro sempre a Montecilfone, nella provincia di Campobasso. Oltre che nel Molise, la scossa è stata avvertita anche in altre regioni confinanti del Sud-Italia, sia sul versante Adriatico che in Campania, ma fortunatamente non ha provocato danni a cose o persone.

"Un terremoto molto simile in termini di natura a quello di San Giuliano di Puglia del 2002", è quanto ha detto il presidente dell'Ingv Carlo Doglioni, che ha spiegato come la faglia sia la stessa del sisma che colpì il Molise 16 anni fa e della scossa registrata due giorni fa.

"I molisani devono recuperare la tranquillità il prima possibile, perché nonostante lo spavento legittimo e la paura per ora non si registrano che lievi danni e crepe e nessun ferito. La Protezione civile regionale sta coordinando tutto, è all'opera su tutto il territorio e pronta ad intervenire e a dare ogni conforto eventuale", ha detto all'Ansa il presidente della Regione Molise Donato Toma.