3.491 CONDIVISIONI
11 Aprile 2022
12:00

La transizione del mondo del lavoro: cambiare puntando su se stessi

E se il “fenomeno” statunitense delle “Great Resignations” fosse solo il sintomo di una grande transizione del mondo del lavoro? Di certo quel che stiamo vivendo è un cambiamento epocale che coinvolge anche aspetti più profondi, come quelli della motivazione personale. Per continuare a puntare sulle proprie risorse e sul futuro riscoprendo ciò che ci accende, affidarsi a chi conosce il lavoro come risorsa e formazione è la soluzione vincente.
Immagine
A cura di Ciaopeople Studios
3.491 CONDIVISIONI

Che la pandemia sia stata una sorta di incubatore di veloci trasformazioni sembra essere ormai un dato di fatto. Ha accelerato la digitalizzazione con le sue nuove potenzialità, ha cambiato l’organizzazione nel mondo del lavoro, della scuola, della sanità, creando nuovi punti di vista. Ciò che sembrava destinato a svolgere un ruolo (di supporto, neppure centrale) in qualche anno se non decennio, come la DAD o lo smart working, è diventato in poche settimane un dato di realtà che ha permesso di superare un periodo di forte instabilità.

I nuovi fenomeni: city quitters e “Great Resignations”

Ma il cambiamento in atto ha modificato anche la percezione della vita. Sono nati i city quitters, coloro che lasciano le grandi metropoli ricche di servizi e stimoli, per ritrovare una dimensione più naturale e in sintonia con nuovi bisogni ed equilibri nella gestione familiare. Si è assistito anche al fenomeno, inizialmente tutto statunitense, delle Great Resignations, ossia le Grandi Dimissioni. Sembra che il 44% dei dipendenti americani sia alla ricerca di un nuovo lavoro: questa la percentuale di un sondaggio effettuato tra il dicembre 2021 e il gennaio 2022, il “Global Benefits Attitudes Survey 2022”, condotto dalla società di consulenza Willis Towers Watson. Quel che finora si è verificato è stato il “rimescolamento” di 48 milioni di lavoratori nel 2021 con punte di 4,8 milioni toccate a novembre 2021 e di 4,3 nel mese di gennaio 2022. Un fenomeno che si sta allargando ma di cui ancora si fatica a comprenderne le più profonde motivazioni. Sembra che la maggior parte dei lavoratori ricerchi un lavoro più remunerativo, altri, invece, vorrebbero condizioni migliori e la possibilità di continuare a lavorare in smart working.

YOLO Economy: You Only Live Once 

In Italia i dati non sono paragonabili a quelli americani, ma la YOLO Economy, “You Only Live Once”, sembra stia piano piano trovando seguaci anche “da noi”. Secondo i dati del Ministero del Lavoro, nel secondo trimestre 2021 si sono registrate quasi 500mila dimissioni – che segnano un incremento del 37% rispetto ai tre mesi precedenti e dell’85% rispetto allo stesso trimestre del 2020. Non tutti, però, concordano che il leitmotiv di questi rivolgimenti risieda nel “si vive una volta sola”. Se fosse, invece, una transizione fisiologica legata a un cambiamento più profondo? Se le persone cercassero altro, oltre alla retribuzione? Potrebbero cercare una condivisione maggiore dei valori tra società e dipendenti, un rapporto positivo tra colleghi, un luogo dove crescere professionalmente ma anche umanamente? Negli ultimi anni si è assistito anche alla diffusione di modelli societari diversi come le società benefit, ossia società che, a fronte di una certificazione, si impegnano a perseguire obiettivi e standard determinati, come la trasparenza e la responsabilità sociale, e cercano di operare per avere un impatto positivo sulle comunità, sull’ambiente e sugli stessi dipendenti. Anche questo è un plus che può muovere alla ricerca di un cambiamento. Tuttavia se ci sono aziende che si sono mosse in queste direzioni, altre sono “rimaste indietro”.

L’orientamento diventa phy-gital

Come gestire questo cambiamento quasi “epocale”? Il punto centrale è investire nella consapevolezza delle persone rispetto ai propri ruoli professionali. Questo vale per i giovani che si affacciano sul mondo del lavoro, ma anche, e forse soprattutto, per chi si trova in una situazione di insoddisfazione. Riscoprire le proprie motivazioni e la propria visione, ma anche riprendere in mano i propri sogni e coltivare le proprie abilità e competenze è diventato strategico in un mondo che “corre veloce”. Da soli è difficile. Tutti avrebbero bisogno di fermarsi per ripartire, indirizzati da chi può guardare a un orizzonte più lontano: chi si occupa di formazione e lavoro con uno sguardo costante al futuro. Pensiamo a Phyd, ad esempio, la digital venture di The Adecco Group, che aiuta persone e organizzazioni a orientarsi nel futuro del lavoro. Phyd nasce da una formula ibrida, in assonanza con il contesto lavorativo attuale: Phyd, infatti, è la crasi di physical e digital perché unisce un Hub, uno spazio fisico in via Tortona a Milano, e uno spazio digitale, una piattaforma in grado di misurare l’occupabilità di una persona rispetto alle professioni alle quali ambisce.

Un coach dalla parte di chi vuole puntare di nuovo su di sé

Occupabilità è un termine diverso da occupazione: contiene al suo interno una spinta al dinamismo, al farsi trovare pronti per le opportunità che arrivano dal mercato del lavoro. La piattaforma, infatti, è in grado di suggerire quanto il proprio profilo aderisca alla posizione desiderata in base alle competenze, ma anche quale strada percorrere per eliminare l’eventuale gap. Questo è possibile grazie all’AI, che incrocia le informazioni provenienti da molteplici database con quelle della singola persona. Ma con Phyd anche la relazione è coltivata grazie alla possibilità di incontrarsi per eventi e workshop, che puntano al reskilling o all’upskilling, grazie alle attività di coaching che supportano i coachee nell’affrontare un nuovo percorso personale e personalizzato e ai servizi di tutoring che vanno dalla valutazione del proprio curriculum alla preparazione per un colloquio. Phyd si pone come nuovo incubatore di crescita professionale, ma anche come interlocutore sociale che agisce per la comunità: nel 2021, infatti, è diventata una società benefit. Un buon modo per celebrare una realtà giovane e già in pieno cambiamento.

Questo è un contenuto pubblicitario a cura di Ciaopeople Studios, realizzato in linea con le necessità del brand
3.491 CONDIVISIONI
 
Il futuro del lavoro e i lavori del futuro
Il futuro del lavoro e i lavori del futuro
Coaching, ecco come funziona e perché chiunque ne ha bisogno
Coaching, ecco come funziona e perché chiunque ne ha bisogno
Investire nella formazione: nuove competenze per le aziende
Investire nella formazione: nuove competenze per le aziende
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni