438 CONDIVISIONI
US Open
13 Settembre 2021
11:58

Il crollo emotivo di Djokovic, sopraffatto in campo e dopo: “Non so quando giocherò di nuovo”

Novak Djokovic ha mancato l’opportunità di realizzare il Grande Slam. Il numero 1 del tennis è stato battuto in tre set da Medvedev. E già durante l’incontro si è messo a piangere. Lacrime vere sia a un cambio di campo che prima che iniziasse l’ultimo gioco della finale. Ha pagato lo stress enorme di un’impresa che poteva essere titanica.
A cura di Alessio Morra
438 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
US Open

L'appuntamento con la storia era unico. Un treno che passa forse una volta nella vita di un tennista. Quel treno non è passato nemmeno per Federer e Nadal. Novak Djokovic aveva un peso sulle spalle incredibile, lo sapeva, lo voleva, perché tutti i grandi campioni vogliono scrivere la storia. Lui l'ha scritta già e voleva riscriverla. In un solo colpo avrebbe potuto diventare il primo a fare il Grande Slam dal 1969 e avrebbe staccato Federer e Nadal nella classifica dei tennisti con più Slam vinti. Alla finale però è arrivato stanchissimo, dopo un anno faticoso, intenso, stressante, vincente e un torneo massacrante. La fatica si è fatta sentire tutta insieme e Medvedev, che ha giocato una partita strepitosa, lo ha sconfitto in tre set. Le difficoltà emotive del numero 1 si sono viste già durante l'incontro quando a un cambio di campo ha avuto un crollo emotivo.

Maggiormente la commozione di Djokovic è risaltata durante la premiazione, il serbo si è sciolto e ha ringraziato il pubblico, che generalmente non lo ama che vorrebbe: "Mi avete fatto sentire speciale". E in conferenza stampa ha aggiunto: "Tutto questo supporto non lo dimenticherò mai".

In conferenza stampa Djokovic ha parlato delle sue emozioni e ha detto che aver giocato questa finale è stata una liberazione, naturalmente c'è tanto dolore sportivo per averla persa, ma averla giocata è quasi una liberazione perché lo stress di questi ultimi mesi è stato enorme: "Mi sento sollevato. Non è un vero e proprio sollievo, ma è stato così quando l'ultimo punto è finito. La pressione e le aspettative erano enormi prima e durante questo torneo. Non importa quanto mi sforzassi e riuscissi a rimanere nel momento presente, concentrato sul passo successivo, l'intero processo è molto estenuante. Mi sento deluso e triste perché è stata persa una grande opportunità. L'amaro in bocca resta".

"Voglio stare più tempo in famiglia"

E poi dopo aver parlato nuovamente della finale ha chiuso la conferenza stampa anticipatamente quando gli è stato chiesto del suo futuro e dei prossimi tornei. Djokovic ha sottolineato che lui oltre a essere il numero 1 del mondo è anche un padre e un marito e vorrebbe passare un po' più di tempo a casa: "Certo, la vita è completamente diversa, sono sia un marito che un padre, ho altre priorità quando la vita è vista nel suo insieme. Vorrei stare di più con i bambini, l'ho promesso a me stesso perché stare lontano da loro mi fa molto male". 

Djokovic: "Non ho piani per il futuro"

Il futuro di Djokovic ora è molto incerto. Lo sforzo enorme che ha fatto negli ultimi mesi lo sente su fisico e mente. Adesso è difficile dire quando tornerà in campo il numero uno del mondo. C'è chi addirittura ritiene che possa tornare nel 2022, ma è difficile immaginarlo fuori dalle ATP Finals. La rinuncia a Indian Wells è probabile, ma si può pensare che possa essere in campo a Bercy. Perché ora con il successo ottenuto agli US Open, Daniil Medvedev ha la chance anche di soffiare il numero uno a serbo, che con 3 Slam vinti vuole chiudere il 2021 davanti a tutti. Per ora non ci sono certezze: "Non ho piani per il futuro, assolutamente niente. La mia mente è solo qui a New York", ha detto in conferenza dopo la finale.

438 CONDIVISIONI
45 contenuti su questa storia
La finale degli US Open poteva costare la vita al papà di Medvedev: "Ho contato fino a 600"
La finale degli US Open poteva costare la vita al papà di Medvedev: "Ho contato fino a 600"
Djokovic in lacrime ringrazia i tifosi dopo il ko agli US Open: "Mi avete fatto sentire speciale"
Djokovic in lacrime ringrazia i tifosi dopo il ko agli US Open: "Mi avete fatto sentire speciale"
"L2 + sinistra", Medvedev spiega la particolare esultanza dopo il successo agli US Open
"L2 + sinistra", Medvedev spiega la particolare esultanza dopo il successo agli US Open
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni