1.086 CONDIVISIONI
Olimpiadi Tokyo 2020
28 Luglio 2021
18:41

Fognini urla “frocio” in campo, poi le scuse: “Il caldo dà alla testa, amo la comunità LGBT”

Fabio Fognini si è scusato dopo il brutto sfogo contro se stesso in occasione del match delle Olimpiadi contro Medvedev in cui ha usato parole inaccettabili (“Sei un frocio”). Il tennista italiano si è detto consapevole di aver esagerato, anche a causa del caldo eccessivo, affermando di amare la comunità LGBT.
A cura di Marco Beltrami
1.086 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Fabio Fognini non ha perso tempo per scusarsi dopo la brutta figura alle Olimpiadi. Il tennista italiano nel match contro Medvedev si è lasciato andare ad un bruttissimo sfogo contro se stesso, in cui ha usato parole ancor più inaccettabili in considerazione del contesto olimpico. Un episodio figlio della tensione e anche probabilmente del caldo eccessivo, a giudicare da quanto dichiarato poi sui social da Fognini che si è scusato con la comunità LGBT, per quella che ha definito come una sciocchezza.

A mente fredda, e dopo la sconfitta con la testa di serie numero 2 del torneo olimpico di tennis, Fabio Fognini è tornato sul brutto episodio che lo ha visto protagonista. Inevitabili le scuse da parte dell'esperto giocatore ligure, consapevole di aver oltrepassato il limite con un linguaggio offensivo. Cosa è successo? In occasione di un suo errore, su una palla break in apertura del terzo e decisivo set, Fognini si è lamentato così a voce alta del suo modo di giocare: "Sei un frocio, sei un frocio". E dopo aver chiesto in modo perentorio al raccattapalle la pallina ha rincarato la dose: "Sei un frocio perché devi tirarle sopra la rete".

Le sue parole sono rimbombate nel campo deserto e senza spettatori, a causa delle restrizioni anti-Covid e inevitabilmente lo hanno fatto piombare nell'occhio del ciclone. Fognini che spesso e volentieri in carriera si è reso protagonista di comportamenti al limite in campo, ha deciso di usare i social per scusarsi con la comunità LGBT, che si batte per i diritti di lesbiche, gay, bisessuali, transgender, a tutela della diversità e della sessualità libera combattendo ogni forma di sessismo e omofobia.

Queste le parole del numero 1 del team di tennis italiano a Tokyo 2020: "Il caldo dà alla testa! Nel match di oggi ho usato un’espressione davvero stupida verso me stesso. Ovviamente non volevo offendere la sensibilità di nessuno. Amo la comunità LGBT e mi scuso per la sciocchezza che mi è uscita. Ora vado in branda perché a Tokyo è notte, vi abbraccio".

1.086 CONDIVISIONI
467 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni