Le prime due sessioni di prove libere del GP di Spagna hanno evidenziato una crescita da parte della Ferrari rispetto a quanto fatto vedere in pista a Portimao nello scorso week end. La squadra del Cavallino sembra infatti aver ridotto il gap da Red Bull e Mercedes ed esser migliorata anche sul giro secco. Note positive dunque dopo il primo giorno in pista a Barcellona per la scuderia di Maranello, progressi che hanno sorpreso anche il sette volte campione del mondo Lewis Hamilton stupito dai costanti miglioramenti di Ferrari, McLaren e Alpine in questo avvio di Mondiale 2021.

Nelle FP1 del GP di Spagna, Leclerc e Sainz hanno chiuso rispettivamente con il quinto e il sesto miglior tempo della sessione a circa mezzo secondo dal crono del leader Bottas, appena meglio di loro ha fatto Norris con la McLaren che ha chiuso a 440 millesimi dal finlandese. Nella seconda sessione di prove libere il monegasco della Ferrari ha fatto ancora meglio andando addirittura a piazzare il terzo miglior tempo alle spalle soltanto dei due piloti Mercedes con un ritardo di appena 165 millesimi dalla miglior prestazione cronometrica di Hamilton e addirittura di appena 26 millesimi da quella realizzata da Bottas. Con Charles Leclerc che è riuscito anche a far segnare il miglior parziale in assoluto nel terzo settore del tracciato catalano.

Una prestazione, quella offerta da Leclerc, che non è passata inosservata tanto che lo stesso Lewis Hamilton al termine della seconda sessione di prove libere si è detto stupito di come i progressi fatti dalla Ferrari (ma anche da McLaren e Alpine) siano inaspettati e mettano pressione anche alla Mercedes che finora ha dovuto vedersela esclusivamente con la Red Bull:

"È incredibile vedere i progressi che la Ferrari e la McLaren stanno facendo, e anche Alpine – ha detto infatti Lewis Hamilton al termine della prima giornata di prove libere del GP di Spagna –. È fantastico vederli così forti. E questo mette pressione anche su di noi, non solo per al resto del gruppo".