Romain Grosjean ha chiuso la sua carriera in Formula 1 con il terribile incidente del GP del Bahrain da cui è uscito miracolosamente incolume dopo esser stato avvolto tra le fiamme per 27 secondi. Il pilota francese però ha sempre espresso il desiderio che non fosse quella la sua ultima volto a bordo di una monoposto da F1. Desiderio che nell'immediato post-incidente la Mercedes si era proposta di esaudire qualora le squadre per cui il driver transalpino ha militato non riuscissero nell'intento. Ed ora la scuderia vincitrice degli ultimi sette titoli mondiali ha mantenuto la sua promessa organizzando un test privato per far correre nuovamente Grosjean su una vettura da Formula 1.

Dopo aver rivelato che lo scorso febbraio c'erano stati dei contatti con il team principal Toto Wolff per valutare la fattibilità della cosa, nei giorni scorsi infatti il pilota francese ha completato la classica prova sedile nella sede della Mercedes di modo che sia tutto pronto per il suo ritorno su una monoposto di Formula 1. A rivelarlo è stato James Gay-Rees, il produttore di Drive to Survive, la serie Netflix che svela il dietro le quinte del Circus.

Dunque il test privato Mercedes, organizzato come festa di addio alla F1 di Grosjean, avrà luogo. Il francese potrà girare in pista con una monoposto della casa di Stoccarda che, per regolamento, dovrà essere vecchia di almeno due anni (probabilmente una W09). Adesso quindi per completare l'organizzazione dell'ultimo ballo su una Formula 1 di Romain Grosjean manca soltanto la data. Una data che andrà calendarizzata tenendo conto degli impegni della scuderia anglo-tedesca e degli impegni in IndyCar, campionato che lo vedrà impegnato con il team Dale Coyne Racing, dello stesso pilota transalpino.