Anche la storico circuito di Portimao in lizza per un posto nel calendario del campionato Mondiale 2020 di Formula 1. Dopo la cancellazione ufficiale dei GP dell'Azerbaijan, di Singapore e del Giappone, i vertici della F1 stanno vagliando nuove ipotesi per allungare la stagione europea del Mondiale  2020 stravolto dal coronavirus (qui gli aggiornamenti con le ultime notizie dall'Italia e dal resto del mondo). La ricerca al momento è ristretta a quei tracciati del Vecchio Continente che, seppur hanno fatto la storia della Formula 1 o degli sport motoristici in genere, non erano presenti nel calendario originale del campionato automobilistico a ruote scoperte più prestigioso al mondo. Con la candidatura del circuito portoghese vacilla quindi la posizione del Mugello e di Imola fino ad oggi in lizza per un'eventuale seconda tappa italiana dopo il GP d'Italia che si terrà a Monza nel week end del 6 settembre.

Portimao nel calendario F1 2020? «Trattative concrete»

A rivelare questa possibilità è un portavoce dello stesso circuito di Portimao: «Siamo in contatto e in trattative concrete con F1 – ha detto a Motorsport.com -. Come ha detto Ross Brawn, è una possibilità. Per ora nulla è confermato, ma sappiamo che c'è molta volontà tra i team di scegliere il Portogallo per il calendario e stiamo lavorando molto duramente e facendo tutto il possibile per avere la F1 nella nostra pista. Siamo l'opzione che tutti desiderano – ha aggiunto -, dalla posizione, dalla pista, dalle grandi strutture che consentono una maggiore distanza di sicurezza, il clima, gli hotel e l'impatto ridotto nel Paese del COVID-19. Ma qualsiasi decisione verrà presa solo a luglio».

Ipotesi doppio GP in Portogallo il 27 settembre e il 4 ottobre

Secondo prime indiscrezioni si pensa ad un doppio gran premio in Portogallo e le date su cui si starebbe trattando sono quelle del 27 settembre e del 4 ottobre:  nel primo fine settimana andrebbe in scena il GP del Portogallo, mentre il week successivo toccherebbe al GP dell'Algarve. Ci sono dunque buone possibilità che a distanza di 14 anni la F1 torni a correre in Portogallo (nel 2008 e nel 2009 ci fu una sessione di test, ma l’ultimo GP del Portogallo si disputò nel 1996 sulla pista dell'Estoril e vide uscire vincitore Jacques Villeneuve con la Williams-Renault). Se così fosse per Imola e Mugello rimarrebbe ancora qualche chance di entrare in calendario nel fine settimana del 13 settembre, cosa invece infattibile qualora le tappe lusitane dovessero essere anticipate di una o due settimane.

Chance ridotte per seconda tappa italiana a Imola o al Mugello

Ipotesi non così remota dato che ad oggi il week end del 27 settembre è ufficialmente riservato al GP di Russia sul circuito di Sochi, con il quale si sta trattando per raddoppiare l'appuntamento. Se ciò non dovesse andare in porto, ad oggi il circuito di Portimao rappresenta l'alternativa più plausibile. Ma, qualora venga confermata solo una tappa in terra russa, le gare sul tracciato lusitano potrebbero essere collocate subito dopo il GP d'Italia, eliminando così definitivamente le speranze di vedere un GP anche ad Imola o al Mugello.