A partire dal 2022 i circuiti che ospitano i campionati FIM e FIA dovranno essere dotati obbligatoriamente di pannelli luminosi ad alta tecnologia. A stabilirlo l'accordo siglato dalle federazioni internazionali di motociclismo ed automobilismo allo scopo di assicurare una maggiore sicurezza dei piloti durante i week end di gara.

I pannelli luminosi possono essere azionati dalla Race Direction o dai commissari di pista e vengono utilizzati per visualizzare informazioni importanti per i piloti, tra cui le informazioni relative alle varie bandiere, le condizioni meteorologiche e se una safety car è in pista o si è in regime di virtual safety car. Attualmente in F1 questo sistema di segnalazione è già attivo, ma è lo stesso promotore del campionato il responsabile del trasporto dei pannelli ad ogni gara quindi, una volta finito l'evento, li rimuove per la gara successiva.

Ciò significa che altri eventi su quegli stessi circuiti non hanno a disposizione questa tecnologia di sicurezza. Ed è proprio per questo che la Federazione Internazionale dell'Automobile obbligherà tutti i circuiti che hanno la licenza per ospitare le gare del Mondiale di Formula 1, MotoGP, Superbike ed Endurance ad installare questi elementi entro il 2022, pena il ritiro della licenza.

Il responsabile FIA della sicurezza per circuiti e raduni, Stuart Robertson, descrive questo come un passo avanti comune per la FIA e la FIM: "Questo è un grande passo avanti nella collaborazione tra FIA e FIM per la sicurezza dei circuiti. Garantirà che tutti i campionati che gareggiano su piste di alto livello abbiano le innovazioni migliori per garantire la massima sicurezza".

.