8.342 CONDIVISIONI
Covid 19
14 Marzo 2020
14:33

Coronavirus, anche Ferrari si ferma: “Chiusura produttiva per due settimane”

Il comitato esecutivo della Ferrari ha stabilito con effetto immediato la chiusura produttiva degli stabilimenti di Modena e Maranello per due settimane a partire da lunedì 16 marzo per salvarguardare gli operai dal rischio di contagio dal Coronavirus. La continuità aziendale sarà garantita dai lavoratori che potranno continuare a svolgere le proprie funzioni in smart working.
A cura di Michele Mazzeo
8.342 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Anche la Ferrari si ferma per il Coronavirus (qui gli aggiornamenti in tempo reale con le ultime notizie sull'emergenza sanitaria in Italia e nel resto del mondo). Dopo gli sforzi fatti nelle ultime settimane per portare avanti la produzione nelle fabbriche di Modena e Maranello in osservanza dei decreti governativi messi in atto per contrastare la diffusione del CoVid-19, è arrivata la decisione che permette anche agli operai di stare a casa per tutelare la propria salute e quella degli altri.

Coronavirus, Ferrari: chiusura produttiva per gli stabilimenti di Modena e Maranello

Il comitato esecutivo della casa di Maranello ha infatti stabilito la chiusura produttiva con effetto immediato. Tale misura si protrarrà per due settimane a partire da lunedì 16 marzo. Per gli stabilimenti del Cavallino di Maranello e Modena, nello specifico, si stabilisce che tutti i dipendenti osserveranno due settimane di astensione dal lavoro. Faranno eccezione i lavoratori già impegnati in smart working e, a rotazione, quelli che si dovranno occupare della salvaguardia degli impianti che, di fatto, garantiranno la continuità aziendale.

La nota al termine dell'incontro tra azienda e sindacati dei lavoratori

A darne notizia è il sindacato Fim Cisl Emilia Centrale al termine di un incontro tra l'azienda e i rappresentanti dei lavoratori delle due fabbriche. «Il periodo sarà coperto da istituti contrattuali pagati interamente dall’azienda – spiega infatti la Fim Cisl Emilia Centrale – In queste due settimane, in continuità con il massimo impegno sempre profuso da Ferrari, saranno apportate ulteriori modifiche agli impianti e uffici, per implementare le misure a tutela della prevenzione, igiene, salute e sicurezza dei lavoratori. Per garantire quanto sopra, sarà anche compito sindacale continuare a svolgere un puntuale, preciso e costante monitoraggio. Durante il periodo di chiusura di due settimane, le parti continueranno a incontrarsi per verificare l’evolversi della situazione».

Lo smart working garantirà la continuità aziendale del Cavallino

«Questo provvedimento è un’ulteriore conferma del costante impegno negoziale e relazionale del sindacato, in particolare della Fim-Cisl, che è stata una volta ancora determinante – sottolinea Giorgio Uriti, segretario generale dei metalmeccanici Cisl modenesi e reggiani – Lo smart working, che riguarda circa l’80% degli impiegati, garantisce di fatto la continuità aziendale. Nello stesso tempo la Ferrari, alla quale riconosciamo l’impegno che ha messo da subito nella piena applicazione dei decreti del Governo, prenderà ulteriori misure per la maggior tutela possibile dei suoi dipendenti. Saremo impegnati anche in queste due settimane per garantire ai lavoratori prevenzione, igiene, salute e sicurezza, vigilando sulla condizione lavorativa che – conclude Uriti – i dipendenti troveranno al rientro da questo periodo».

8.342 CONDIVISIONI
31855 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni